menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiamme distruggono due auto in casa della moglie di un imprenditore

A Leverano un ignoto si è introdotto nel giardino della donna. Movente poco chiaro, indagano i carabinieri. Al vaglio anche la possibilità che si potesse colpire il marito, sebbene non abiti più lì

LEVERANO – Nelle immagini delle telecamere di videosorveglianza l’azione si nota bene. Il buio non ha coperto del tutto il criminale. Ci ha dovuto pensare da solo, indossando un passamontagna, per evitare un facile riconoscimento.

Erano le 4 del mattino quando, a Leverano, in via Emilia, non lontano dall’area mercatale, l’ignoto ha scavalcato il cancello dell’abitazione di proprietà di una donna, moglie del rappresentante legale di una nota azienda che ha sede a Carmiano. Va chiarito, però, che l'uomo non risiede più lì da almeno tre anni, ma nella zona di Nardò. 

Distrutte due autovetture

Lo sconosciuto, una volta introdottosi nel giardino, ha raggiunto in pochi istanti una tettoia sotto la quale si trovavano due autovetture e, usando liquido infiammabile, le ha distrutte, appiccando il fuoco. Di una Fiat 500 e di una Citroen DS3 (che sono in uso alla donna e al figlio) questa mattina sono rimasti soltanto gli scheletri di lamiera anneriti. Un’altra vettura, posteggiata nelle vicinanze, è rimasta lievemente danneggiata, ma seri danni ha riportato anche la stessa tettoia.

Per spegnere il pericoloso incendio, che rischiava di propagarsi ulteriormente, sono intervenuti i vigili del fuoco inviati dal comando provinciale di Lecce. Sul posto sono poi intervenuti i carabinieri della stazione locale e del Nucleo operativo radiomobile di Campi Salentina.

Si cerca un movente chiaro

Che vi possa essere un movente estorsivo? Come detto, l'uomo non risiede più in quella casa da almeno tre anni. Quindi è solo un’ipotesi che qualcuno intendesse colpire lui direttamente. Dal canto suo, l’imprenditore non ha saputo decifrare il gesto, spiegando ai militari  di non aver mai ricevuto minacce. I carabinieri, in ogni caso, non possono tralasciare alcune pista. La società che gestisce opera anche con le amministrazioni comunali e proprio nel luglio scorso si è aggiudicata l’appalto di manutenzione dell’illuminazione della “Città dei Fiori”. 

Altri episodi di recente

Di sicuro, per gli uomini comandati dal maresciallo Gianluca Pagliara ci sarà molto da lavorare. Anche perché a Leverano non è la prima situazione che sta creando un certo allarme.

A ottobre - un caso che ha suscitato altrettanto clamore – qualcuno ha deciso di colpire anche il tenente Bianca Romano, comandante della polizia locale di Leverano. Appiccando le fiamme alle sua Citroen C3. Esiste un sottile filo che collega questi episodi? Una domanda alla quale gli investigatori intendono dare una risposta.

Nota: articolo rivisto con integrazioni succesive

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento