Martedì, 15 Giugno 2021
settimana

Lsu in attesa di stabilizzazione. Cgil invita la Regione ad intervenire

L'ente ha l’opportunità di stabilizzare almeno 20 Lsu. Il segretario Longo: "Chiediamo all’assessore Leo di non lasciare questi lavoratori in capo alla Provincia"

LECCE – Cgil Lecce sprona l’ente di via Capruzzi a dare il buon esempio sul trattamento riservato ai lavoratori socialmente utili, che in molti casi non sono stati stabilizzati, nonostante la disponibilità degli incentivi regionali.

Simone Longo, segretario organizzativo, si rivolge all’assessore regionale alla Formazione e al Lavoro, Sebastiano Leo: “Nei Centri per l’Impiego (Cpi) finora gestiti dalla Provincia lavorano oltre 20 Lsu sugli 84 in capo a Palazzo dei Celestini. A partire dal 1° luglio, la gestione dei Cpi passerà sotto l’egida della Regione. È l’occasione giusta per per mettere in pratica i buoni propositi da essa stessa sollecitati nei mesi scorsi agli enti pugliesi utilizzatori di Lsu”.

Cgil spiega che ora la Regione ha l’opportunità di stabilizzare direttamente almeno 20 Lsu: “Chiediamo all’assessore Leo di non lasciare questi lavoratori in capo alla Provincia: ciò significherebbe, per effetto della riforma Delrio che ha ridotto drasticamente le funzioni dell’ente, abbandonarli ad un futuro di incertezza”.

Non è l’unica sollecitazione che la Cgil lancia a Bari. C’è un altro caso, da tempo sotto la lente del sindacato, sul quale la Regione non fornisce risposte: il caso Nardò. Alla fine dello scorso anno, il Comune neretino si era impegnato a stabilizzare entro il 31 marzo ben 8 dei 23 Lsu in esso impiegati. Dopo oltre tre mesi, dell’assunzione a tempo indeterminato di questi lavoratori non c’è traccia.

Su questa situazione la Cgil ha più volte inviato lettere sia al Comune sia alla Regione, chiedendo delucidazioni in merito. Ma senza ottenere una risposta.

“Forse i due enti provano imbarazzo per la situazione - spiega Longo. Abbiamo sollecitato l’azione amministrativa e avremmo voluto incontrare Comune e Regione, ma ciò ci è stato negato. In realtà la giunta comunale di Nardò con la deliberazione numero 69 del 12 febbraio ha soltanto preso atto della proroga del progetto riguardante tutti e 23 gli Lsu, così come previsto dalla legge di Stabilità”.

“Non conosciamo le motivazioni che hanno spinto Comune e Regione a venir meno all’impegno preso a dicembre con 8 lavoratori. Rinnoviamo pubblicamente la richiesta di un incontro sia al Comune di Nardò sia alla Regione, in modo da chiarire una volta per tutte la loro posizione”, conclude il segretario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lsu in attesa di stabilizzazione. Cgil invita la Regione ad intervenire

LeccePrima è in caricamento