Lunedì, 14 Giugno 2021
settimana Via Adriatica

Ladri nella casa accanto alla "Masseria Ospitale": via con tv e 20 chili di cannabis sativa

Il colpo la scorsa notte, sulla via per Torre Chianca, nell’appartamento del proprietario della nota struttura. Il valore del bottino sarebbe di 50mila euro

Foto di repertorio.

LECCE – Ladri nell’abitazione del proprietario della masseria, adiacente alla struttura: svaligiano merce per 50mila euro, tra la refurtiva anche venti chilogrammi di cannabis sativa (quella legalmente in commercio). Il maxi furto nel corso della notte, ai danni del titolare della "Masseria Ospitale", alla periferia di Lecce. Ignoti, dopo essersi introdotti nell’appartamento tramite una finestra che dà sul giardino, in corrispondenza della cucina, hanno messo a soqquadro l’immobile, sulla strada che collega il capoluogo salentino a Torre Chianca.

Cassetti svuotati e poi rovesciati, idem  per gli armadi. Si sono impossessati di un televisore 50 pollici e cinque scatole da quattro chilogrammi l’una di cannabis sativa, quella legale e attualmente in commercio. Il titolare, infatti, da un anno coltiva e produce infiorescenze da utilizzare per fini docliari o da destinare all'aromatizzazione delle sigarette elettroniche. Si tratta di un progetto sperimentale, quello della cosiddetta "canapa agricola" a livello nazionale, nel quale sono impiegati anche altri lavoratori. Il danno, dunque, non è soltanto quello economico.

I ladri hanno agito pochi minuti prima delle 2, quando nell’appartamento non c’era nessuno. Impossessatisi dello strano bottino, si sono poi allontanati, facendo perdere le proprie tracce. La vittima, al rientro, ha immediatamente allertato la sala operativa della questura, per chiedere un intervento.  Sul posto, gli agenti di polizia della sezione volanti, assieme ai colleghi della Scientifica per un sopralluogo. Il malcapitato è stato ascoltato, per raccogliere elementi utili all’attività investigativa. I poliziotti hanno eseguito un’ispezione sul terreno che circonda la masseria, alla ricerca di orme, o altre tracce eventualmente lasciate dal passaggio dei ladri.

"Non ci faremo fermare da questo furto, nè scalfire", dichiara Oronzo Trio, proprietario della Masseria Ospitale e vittima del furto. "Il nostro è un progetto in crescita, nel quale crediamo e in cui sono coinvolti anche altri lavoratori. L'amarezza è tanta poichè, al di là del valore economico, dietro c'è stato il lavoro di un anno di agricoltura. Ma andremo avanti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri nella casa accanto alla "Masseria Ospitale": via con tv e 20 chili di cannabis sativa

LeccePrima è in caricamento