Lunedì, 14 Giugno 2021
settimana

Olimpiadi dell'educazione finanziaria: il progetto di Bpp con le scuole

La Banca Popolare Pugliese coinvolge gli istituti superiori di Lecce in una competizione con l'obiettivo di promuovere la conoscenza degli strumenti finanziari

LECCE - Strumenti finanziari, questi sconosciuti. Gli italiani, secondo gli ultimi dati diffusi da Consob, non hanno una buona cultura in materia: uno su due non ha dimestichezza con termini e concetti relativi agli investimenti ed alle operazioni bancarie e non è disposto ad acquistare un prodotto finanziario perché non comprende i documenti informativi allegati.

Nel nostro Paese il tasso di analfabetismo su queste materie è così elevato da essere preso in carico dal Parlamento che  inserito il tema nell’agenda politica, mentre la Banca d’Italia si sta adoperando per promuovere l’istituzione di progetti di educazione finanziaria all’interno delle scuole.

Un progetto che punta in questa direzione, avviato in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, è ormai giunto alla X edizione riuscendo a coinvolgere 100mila studenti. Una goccia nel mare, si direbbe, soprattutto considerando come l’alfabetizzazione finanziaria coincida ormai con l’esercizio di alcuni diritti civili.

L’utenza alle prese con i complessi prodotti della finanza, priva di una solida cultura economica, si trova disorientata. La Banca d’Italia punta invece a semplificare e standardizzare le informazioni destinate alla clientela in nome del principio di trasparenza dei modelli finanziari che la crisi, e la connessa speculazione, rischiano di spazzare via.

A livello locale, sul territorio si sta muovendo nella medesima direzione la Banca Popolare Pugliese, già promotrice di molti progetti volti ad accrescere il livello di cultura economico-finanziaria tra le nuove generazioni. Quest’anno l’istituto di credito ha coinvolto diverse scuole superiori di Lecce nelle “Olimpiadi dell’educazione finanziaria”: una sorta di gara che coinvolgerà, per 5 settimane, 625 maturanti divisi in 125 squadre formate da 5 elementi ciascuna.

Il progetto è sostenuto dalla Prefettura di Lecce, dalla locale sede della Banca d’Italia, dall’ufficio scolastico provinciale, dal presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, dal sindaco della città, Carlo Salvemini e della Fondazione per l’educazione finanziaria dell’Abi. La presentazione è avvenuta questa mattina, presso la sede della prefettura, a dimostrazione del prestigio rivesto dal progetto finalizzato alla crescita culturale ed economica del territorio.

Il prefetto Claudio Palomba ha voluto ringraziare la Bpp per “il suo impegno nel coinvolgimento diretto dei ragazzi, avvicinati grazie ad una semplificazione del processi economici e spinti a misurarsi in un gioco di squadra, all’interno di una competizione sana”.

“Quello dell’educazione finanziaria è un tema di straordinaria importanza che comincia ad essere inserito nell’affollata agenda delle autorità per colmare il divario del nostro Paese con gli altri Stati – ha spiegato il presidente di Bpp, Vito Primiceri -. Abbiamo bisogno anche del sostegno dei mass media e della tv pubblica per semplificare e promuovere i concetti della finanza, un po’ come già fatto in tema di educazione alimentare e sanitaria”.

Un concetto è quindi emerso chiaramente nel corso della presentazione: per colmare le lacune evidenziate dalla Consob è necessario investire in cultura. Ma l’obiettivo non è quello di plasmare, necessariamente, dei futuri economisti ed esperti in materia, quanto quello di formare cittadini preparati e orientare l’agire economico ai valori della legalità e della trasparenza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi dell'educazione finanziaria: il progetto di Bpp con le scuole

LeccePrima è in caricamento