menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Rifiuti domestici e scarti di potatura per strada: tre cittadini nei guai

La polizia locale di Lecce ha esteso i controlli anche a periferie e marine. Un uomo multato per aver lasciato le deiezioni del cane

LECCE – Lotta all’abbandono dei rifiuti anche nelle periferie della città e sul litorale. La polizia locale leccese ha intensificato il contrasto al fenomeno, diffuso soprattutto nelle campagne, dove i trasgressori possono lasciare l’immondizia lontani da occhi indiscreti. Il personale di viale Rossini, in particolare, ha setacciato oltre alla zona di Borgo San Nicola, via Anna Frank, via Umberto Saba e via Bellaria, passando anche da via Giammatteo, in collaborazione con i colleghi del Nucleo di polizia ambientale.

All'interno di un terreno non recintato di via Anna Frank, infatti, è stato individuato un cumulo di rifiuti prevalentemente di natura domestica. Grazie agli elementi di riconducibilità, è stato rintracciato l'autore dell'abbandono, un cittadino residente a Surbo, comune che ha avviato di recente la raccolta differenziata e alla cui amministrazione è stata inoltrata la comunicazione del trasgressore per le necessarie verifiche relative all'assolvimento degli obblighi connessi con il pagamento della Tari.

In via Umberto Saba, in seguito ad una segnalazione, sono stati invece rinvenuti numerosi sacchi contenenti rifiuti, che le indagini hanno ricondotto ad un residente del quartiere Santa Rosa. In un terreno di via Bellaria, infine, al termine del pedinamento di un veicolo intercettato lungo la circonvallazione cittadina, è stato contestato l'abbandono di un carico di rifiuti derivanti dalla potatura ad un cittadino.

In tutti i casi è stata contestata una sanzione di 400 euro e intimato ai trasgressori il ripristino dello stato dei luoghi e la successiva esibizione delle ricevute dell'avvenuto smaltimento dei rifiuti.  Sabato scorso, infine, in via Assisi, rione San Sabino, durante un servizio specifico di controllo dei parchi, mirato al contrasto della deprecabile abitudine di non rimuovere le deiezioni dei propri cani, è stata elevata una multa di oltre 160 euro a un residente del luogo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento