settimana

Omicidio Bianco, dopo la condanna definitiva Gabrieli torna in carcere

Il 58enne di Martano, accusato di aver ucciso un uomo per questioni di droga, nel 2013, sconterà 18 anni

Il luogo dell'omicidio, nel giugno del 2013

LECCE – La condanna è divenuta definitiva nel mese di ottobre: accusato dell’omicidio di Massimo Bianco, nel mese di giugno del 2013, è stato raggiunto nel pomeriggio di ieri dai carabinieri della stazione del comune grico. I militari dell’Arma hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Lecce, nei confronti dell’uomo che ora dovrà scontare 18 anni di reclusione per omicidio e occultamento di cadavere.

Il tragico episodio nel pomeriggio del 29 giugno di quattro anni addietro, nelle campagne di Carpignano Salentino, per motivi legati ad una attività di spaccio di stupefacenti condivisa fra vittima e suo aggressore. Due giorni prima, il 27, la moglie della vittima ne aveva denunciato la scomparsa, non vedendolo più rientrare. Il cadavere del marito fu poi rinvenuto dai carabinieri della compagnia di Maglie: il corpo, in parte 1 ARRESTO gabrieli antonio MARTANO-2carbonizzato, era a circa mezzo chilometro dal monoastero dei Cistercensi alla periferia di Martano, al confine col territorio carpignanese.

Il complice di Gabrieli, Antonio Zacheo, un 31enne dello stesso comune, è stato fino ad ora condannato a 30 anni di reclusione in primo e secondo grado.   Al termine delle formalità di rito, Gabrieli è stato accompagnato presso il carcere di Borgo San Nicola, a Lecce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Bianco, dopo la condanna definitiva Gabrieli torna in carcere

LeccePrima è in caricamento