menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La polizia sul posto (Luca Capoccia Photo)

La polizia sul posto (Luca Capoccia Photo)

Shock in città: tenta rapina nella sede Aci e imbavaglia i dipendenti

L’episodio nel pomeriggio, tra via Candido e via Orsini del Balzo. Il rapinatore fugge a mani vuote dopo aver segregato le due vittime in uno sgabuzzino

LECCE – Shock in città: un colpo vioento, fortunatamente andato in fumo, sulla stessa strada teatro di una rapina la scorsa settimana. Fatto dai contorni inquietanti, nel pomeriggio, nei pressi della sede dell’Aci di Lecce, l’Automobile club italiano, in via Francesco Saverio Candido, all’angolo con via Orsini Del Balzo. Intorno alle 17,30, un malvivente si è introdotto negli uffici, dove non vi era ormai quasi nessuno, per mettere a segno il colpo. Ha usato la porta di ingresso posta sul lato dell'edificio, confidando in una maggiore discrezione e ha coperto il proprio volto usando uno scalda collo, per non essere riconoscibile. Una volta nel locale, ha bloccato una donna, un'addetta alle pulizie, per poi dirigersi verso una impiegata, dipendente dell'Aci, sperando di farsi consegnare il denaro.

Ma quest'ultima non ha potuto cedere alcuna somma: i contanti della giornata, infatti, erano ormai stati versati in banca.  Un dettaglio che il malintenzionato non aveva, evidentemente, messo in conto. E che però ha fatto fatica ad accettare, tanto da insistere. Ha infatti legato la malcapitata con del nastro adesivo a una sedia, intimandole di riferigli dove fosse la cassaforte. Poi l'ha segregata in uno sgabuzzino dell'edificio. In quegli istanti è anche sopraggiunto un altro dei dipendenti dell'Aci, richiamato dal brusio al piano di sotto. Ma è andata male anche a lui: per aver dichiarato che i contanti non erano più in ufficio, si è infatti ritrovato  con le mani legate,  accanto alla collega e imbavagliato. Soltanto a quel punto, si è dileguato facendo perdere le proprie tracce. Sembrerebbe a piedi. 

Sul posto, gli operatori del 118 per prestare i soccorsi alla vittima: a causa del forte stato di agitazione, infatti, l'impiegata ha accusato un malore. Fortunatamente, la vicenda si è chiusa senza gravi conseguenze per la malcapitata. La sede Aci, intanto, è stata raggiunta dagli agenti di polizia della sezione volanti, diretti dal vicequestore aggiunto Eliana Martella e dai colleghi della squadra mobile leccese, coordinata dal dirigente, Alberto Somma. Il personale della questura  ha eseguito i rilievi e avviato la caccia ai responsabili della rapina. Neppure una settimana addietro, sempre in via Orsini del Balzo e praticamente di fronte alla sede dell’Aci, una banda di malviventi ha perpetrato una rapina in un’agenzia assicurativa, la “Sara”. Dopo aver strattonato un dipendente all’ora di chiusura, in due hanno portato via l’incasso pari a 5mila euro.

Negli istanti successivi all'episodio, intanto, sono state avviate alcune indagini, anche sulla scorta delle dichiarazioni rilasciate, a caldo, dai tre testimoni coinvolti in questa assurda vicenda. Determinanti, ai fini dell'attività investigativa, potrebbero rivelarsi anche i filmati dei sistemi di videosorveglianza installati in zona e la comparzione con i fotogrammi recuperati nell'episodio di venerdì scorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento