Spinello a ricreazione: lei finisce in ospedale e lui dritto in caserma

Una studentessa del "De Viti De Marco" soccorsa dal 118 dopo aver fumato hashish nei giardini della scuola. Nei guai finisce un ragazzo di 17 anni

CASARANO – Doveva essere un momento di relax (non proprio lecito), a metà lezione, quando la campanella indica la sospirata parentesi della ricreazione, un quarto d’ora o poco più per riprendere fiato da libri e interrogazioni. E’ finita con un trasporto in ospedale da un lato e una denuncia dall’altro. Di ricreativo, in questo caso, non c’era infatti qualche merendina o un panino al salame, ma uno spinello di hashish. Per carità, un panino sarebbe anche servito, dopo, quando sarebbero arrivati i morsi della cosiddetta “fame chimica”. Ma in questo caso, è andata molto peggio: è dovuta arrivare un’ambulanza del 118.

Protagonisti due studenti

Protagonisti, loro malgrado, un 17enne e una ragazza, anche lei minorenne, studenti dell’istituto “De Viti De Marco” di viale Ferrari, a Casarano. Tutto è iniziato intorno alle 11,30 circa, quando è stato richiesto l’intervento del 118. La ragazza era appena stata colta da un malore. Gli operatori l’hanno così trasportata per accertamenti nel vicino ospedale “Ferrari” e qui è arrivata l’infausta prognosi, nero su bianco: “malessere seguito consumo cannabinoidi”. Infausta, va detto, non tanto per le conseguenze fisiche, visto che fortunatamente la studentessa è stata dimessa poco dopo senza giorni di prognosi, quanto per le conseguenze che ne sarebbero derivate per lei e per chi le avrebbe ceduto lo spinello.

Si è innescato, infatti, un meccanismo ormai inarrestabile, per il quale sono intervenuti i carabinieri della stazione locale per i doverosi accertamenti che, dopo una breve, indagine, hanno ricostruito quanto avvenuto: il 17enne, alle 11, circa, durante la pausa, all’interno dei giardini dell’istituto, avrebbe ceduto alla ragazza lo spinello di hashish che le ha provocato quel malessere che ha lasciato per interminabili istanti un po’ tutti con il fiato sospeso.

Lei segnalata, lui denunciato

Il 17enne è stato anche perquisito e una ulteriore visita è stata estesa in casa, ma non è srato trovato null’altro. Tuttavia, in caserma, sentita la Procura minorile, è stata formalizzata la denuncia per il giovane, che dovrà rispondere di spaccio aggravato di sostanze stupefacenti. Mentre la ragazza, è finita nella già lunga lista in mano al prefetto dei segnalati per “uso personale non terapeutico di sostanze stupefacenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di certo, si tratta di una vicenda che arriva come un spia d’allarme. Gli stupefacenti continuano a entrare nelle scuole con troppa facilità e questo potrebbe portare, come avvenuto già nel recente passato, a stringenti controlli delle forze dell’ordine, che spesso hanno rastrellato le scuole del Salento accompagnati da cani antidroga. Scovando in qualche caso anche vere e proprie situazioni di spaccio, oltre che di consumo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento