Tragico incidente sul lavoro: muore un operaio di soli 32 anni

Il drammatico episodio in mattinata, a Novoli, dove un giovane uomo ha perso la vita a seguito di un infortunio in una sala ricevimenti. Inutili i soccorsi del 118

Il luogo della tragedia.

NOVOLI  - Un drammatico incidente sul lavoro si è verificato in mattinata, a Novoli. Stefano Vetrugno, un operaio 32enne di Carmiano, è infatti spirato a seguito di un infortunio, mentre si trovava in servizio sulla strada provinciale che collega Carmiano a Salice Salentino, all'interno di "Villa Marchesi", una nota sala ricevimenti della zona. A nulla sono valsi i tentativi, da parte degli operatori del 118, di tenerlo in vita: a causa delle lesioni al capo riportate durante la caduta, da un'altezza di circa cinque metri, il 32enne non ce l’ha fatta.

Nonostante l'intervento tempestivo di medici e infermieri, per l'operaio edile non vi è stato più nulla da fare. La sua salma è stata trasferita presso la camera mortuaria dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce, dove resterà a disposizione dell'autorità giudiziaria e dove, in giornata, il medico legale eseguirà una prima ispezione esterna.  Sul posto, oltre ai sanitari, anche i carabinieri della stazione locale, i colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina assieme agli ispettori del Servizio di prevenzione e sicurezza sui posti di lavoro.

Forze dell'ordine e personale dello Spesal hanno ascoltato tutti i presenti, compresi i colleghi della vittima, per recuperare il maggior numero di informazioni possibili e verificare se la prestazione lavorativa sia stata svolta seguendo le normative in materia di sicurezza. Soltanto in un secondo momento  sarà possibile stabilire con certezza se le responsabilità dell'accaduto siano da ricerca altrove.

Non è infatti dato sapere che cosa sia successo negli istanti che hanno preceduto la caduta del 32enne: è ancora prematuro anche escludere che possa essersi trattato di un malore o della perdita di equilibrio dovuta a una distrazione. E' precoce ogni ipotesi, almeno per il momento.  Da una prima ricostruzione, ancora frammentaria e provvisoria, sembrerebbe che il 32enne stesse eseguendo dei lavori di pulizia della facciata in pietra leccese della struttura. Appoggiato col bacino alla balaustra, sarebbe precipitato a causa del cedimento della recinzione in pietra leccese. Si tratta di una circostanza ora al vaglio degli inquirenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento