Una foca monaca sulle spiagge salentine: avvistamenti a San Cataldo e Frigole

A due anni dall’ultimo avvistamento nelle acque di Tricase porto il mammifero marino è ricomparso sul litorale adriatico. Monitorato dal Centro recupero fauna di Calimera e dai forestali. L’invito a non avvicinarsi

LECCE - A due anni dall’ultimo avvistamento documentato con video e post virali nelle acque di Tricase porto (nel 2014 invece la delegazione di spiaggia di San Foca ne aveva certificato la presenza a Roca Vecchia e a Torre dell'Orso) sulle rive adriatiche torna a nuotare e adagiarsi sull’arenile un esemplare di foca monaca. La splendida notizia viene confermata in queste ore da numerosi post e segnalazioni giunte anche in redazione corredate da video e fotogrammi che ritraggono il mammifero marino nella acque e adagiato sulla spiaggia tra San Cataldo e Frigole.

Una gradita presenza che ora bisogna preservare al massimo evitando ogni forma di rincorsa sfrenata o caccia all’avvistamento per garantire la salvaguardia dell’animale che rientra tra le specie in via di estinzione (la Società Zoologica di Londra, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione considera la Monachus monachus, dal nome scientifico della foca monaca, una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione come spiega anche Giovanni D'Agata dello Sportello dei Diritti) e in natura, secondo le recenti stime, ne esistono ancora poco più di 500 esemplari. A tal proposito il Centro recupero fauna di Calimera, in collaborazione con i carabinieri forestali del gruppo provinciale Lecce e il Nucleo biodiversità di San Cataldo, hanno reso noto di aver avviato un monitoraggio sull'esemplare di foca monaca avvistato in questi giorni sulle coste salentine. Nel contempo è stato diramato anche l’avvertimento ai cittadini “a mantenere la massima discrezione per non arrecare disturbo all'animale e alle forze dell'ordine”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Analogo appello parte anche dalle associazioni animaliste e ambientaliste dl territorio, tra cui Sea Shepherd Puglia che ha documentato la recente presenza della foca monaca nel mare del Salento, e che invocano la tutela e il rispetto degli avvisi. Chiunque dovesse avvistare lungo la costa, in barca o sulla spiaggia, la foca monaca è invitato a non avvicinarsi e a mantenersi ad una distanza di salvaguardia di almeno 50 metri, senza prendere alcuna iniziativa arbitraria. Contestualmente vanno contattate le forze dell’ordine: i carabinieri forestali al numero 1515 e la Capitaneria di porto al 1530.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento