rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
social Centro / Via delle Benedettine

A 25 anni dalla morte, un incontro per ricordare don Sandro Rotino

Figura vicina ai giovani con una visione moderna sul mondo della comunicazione. L'evento si svolgerà domani, 8 maggio, alle ore 18 presso il monastero delle suore benedettine di Lecce

LECCE - È stata una delle figure che maggiormente hanno inciso nella formazione, scolastica e non, delle giovani generazioni dagli anni Sessata agli anni Ottanta. Don Sandro Rotino scomparve il 12 febbraio 1999. Quest'anno ricorre il venticinquennale dalla sua dipartita, avvenuta quando aveva 75 anni. 

Per ricordarlo è stato organizzato un incontro aperto a quanti lo conobbero e lo apprezzarono. L'evento si svolgerà domani, 8 maggio, alle ore 18 presso il monastero delle suore benedettine di Lecce. 

Don Sandro Rotino ha il merito di aver insegnato a molti giovani il valore dell’immagine e del cinema. Oltre ad insegnare religione nel liceo classico “Palmieri”, fu infatti tra i promotori del cineforum a Lecce insieme all’avvocato Ernesto Sticchi Damiani. 

Radio e tv libere meritarono l’attenzione di tanti ragazzi e ragazze dell'epoca anche perché don Sandro spiegò loro l’importanza del corretto utilizzo, facendoli accostare con rinnovato ed inedito interesse. 

Del resto si trattava di strumenti che il sacerdote leccese riusciva a padroneggiare abilmente. Basti pensare i suoi documentari ricevettero vivo apprezzamento. Tra questi si possono riordare quello sul culto mariano nel Salento, trasmesso dalla Rai nel 1981, e quello sui martiri di Otranto girato insieme a Giuliano Capani.

Don Sandro fu, infine, tra i promotori de “L’Ora del Salento” e poi di “Rosso di sera”, i primi settimanali che diedero voce, nella società salentina, alle istanze della Chiesa di Lecce, progressivamente più attenta ai cambiamenti che avvenivano anche nella provincia sulla spinta di un nuovo pastore, come monsignore Michele Mincuzzi, che divenne arcivescovo di Lecce all’inizio degli anni 80, dopo aver lasciato sue importanti tracce di modernità a Bari e ad Ugento.

L’incontro di domani, moderato da Marcello Favale, vedrà gli interventi di Maria Rita Verardo, già presidente del Tribunale dei minori di Lecce, Giuliano Capani, Ettore Bambi, Antonio Silvestri, e di quanti vorranno ricordare un sacerdote moderno, allora e forse anche per oggi.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A 25 anni dalla morte, un incontro per ricordare don Sandro Rotino

LeccePrima è in caricamento