rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
social

"Chiavi Michelin", quattro hotel salentini ricevono il prestigioso riconoscimento

A Lecce premiati "La Fiermontina Palazzo Bozzi Corso" e "Palazzo de Noha". A Cutrofiano "Critabianca", mentre ad Otranto "Baglioni Masseria Muzza"

LECCE - La nota Guida Michelin ha svelato i nuovi riconoscimenti riservati agli hotel che si contraddistingono sul profilo estetico e per l'eccellenza del servizio. Si tratta delle "Chiavi Michelin", che aumentano di numero (una, due o tre) in base ad una serie di parametri valutati da un'apposita commissione.

Frutto di innumerevoli e approfondite valutazioni da parte degli ispettori, così come le celebri “stelle” per i ristoranti, le “chiavi” individuano l’eccellenza nell’esperienza alberghiera. 

Nel Salento sono quattro le strutture ad aver ricevuto la prestigiosa chiave. A Lecce "La Fiermontina Palazzo Bozzi Corso" e "Palazzo de Noha". A Cutrofiano "Critabianca", mentre ad Otranto "Baglioni Masseria Muzza". 

Le caratteristiche degli hotel

Sul sito ufficiale della Guida Michelin sono indicate le descrizioni, riportate di seguito, relative ad ogni singola struttura premiata: 

- La Fiermontina Palazzo Bozzi Corso: in un palazzo del centro storico risalente al 1775 i fratelli Antonia e Giacomo-Fouad Filali hanno dato vita a un boutique hotel di lusso che mette in scena non solo la storia architettonica di Lecce, ma anche gli ampi legami della famiglia con il mondo dell'arte. La Fiermontina Palazzo Bozzi Corso prende il nome dal ramo Fiermonte della famiglia; una delle sue dieci suite è intitolata a Lady Astor, con cui Enzo Fiermonte era sposato. In sintesi, si tratta di un piccolo gioiello di lusso che combina architettura storica, design moderno e arte contemporanea, con uno stile inimitabilmente italiano. 

Palazzo de Noha: nel centro storico barocco di Lecce c'è un edificio secolare, caratterizzato da volte in pietra grezza, con antiche rovine romane esposte dai pavimenti in vetro dei suoi corridoi, e trasformato in un moderno boutique hotel arredato in stile di lusso italiano contemporaneo. Le nove camere e suite abbinano sapientemente un'architettura tradizionale del passato con mobili di design italiano di alta qualità dei giorni nostri, nonché opere d'arte della collezione privata dei proprietari e splendidi bagni moderni, rivestiti con una varietà di marmi. I soffitti alti vengono con il territorio, in classico stile pugliese e molti hanno terrazze o anche, in un caso, un bagno turco.

Critabianca: Immersa nella Grecia Salentina, enclave di origine greca sulla punta del tacco della Puglia, Critabianca nasce come casa colonica nel 14esimo secolo, per essere poi trasformata in residenza aristocratica da un nobile francese nel periodo della dominazione borbonica. Oggi la classica dimora di campagna presenta perfetta introduzione al fascino della vita del sud Italia.

Baglioni Masseria Muzza: pietra bianca, colori chiari, ulivi a perdita d’occhio. Baglioni Masseria Muzza, ricavata in un edificio del 17esimo secolo, è un ottimo esempio di masseria pugliese. Si trova appena fuori dall'incantevole cittadina costiera di Otranto e le sue 40 camere e suite sono confortevoli, ampie e straordinariamente rilassanti nella loro tavolozza di bianchi, crème e grigi. La spa dell’hotel è sorprendentemente grande, ma anche il mare è vicino, così come la riserva naturale dei Laghi Alimini.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Chiavi Michelin", quattro hotel salentini ricevono il prestigioso riconoscimento

LeccePrima è in caricamento