rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
social Copertino

Una vita in sala operatoria, il dottor Marcucci va in pensione

A 70 anni, il medico chirurgo in servizio presso l'ospedale San Giuseppe da Copertino, termina la sua professione. Le prime testimonianze dell'ottimo operato e del suo rapporto con i pazienti, arrivano dallo staff della sala operatoria

COPERTINO - Il dottor Giovanni Marcucci, medico di Chirurgia presso l'ospedale San Giuseppe da Copertino, dalla giornata di ieri (30 novembre) è in pensione. 

Il professore, originario proprio di Copertino, si è da sempre dedicato con costanza alla cura dei bisognosi. A questi ultimi, il suo sostegno - oltreché nella profonda dedizione al lavoro - è arrivato anche dal punto di vista umano.

Le testimonianze, in tal senso, sono fornite dello staff della sala operatoria del medesimo ospedale, composto da medici anestesisti, personale Oss, ausiliari, e infermieri. 

"Lo scorso 15 novembre era il suo 70esimo compleanno, eppure era presente in sala operatoria per offrire il proprio fondamentale contributo", racconta a LeccePrima.it uno dei componenti del gruppo di lavoro.  

Tanti sono stati, nel tempo, i pazienti beneficiari dei servizi offerti dal dottore e dalla sua professionalità. 

La propria vicinanza all'ospedale locale e, più in generale, al territorio - del resto - ha origini profonde. Da quanto emerso, deriverebbe dal ruolo del padre, uno dei fondatori della stessa struttura ospedaliera copertinese.

Marcucci ha fatto ingresso al San Giuseppe negli anni Ottanta. Qui è diventato un punto di riferimento per tutta la provincia di Lecce.

Rappresenta una guida - anche - per i nuovi chirurghi, che hanno visto in lui - e vedono tuttora - il modello giusto per svolgere al meglio una delle professioni più difficili che esistano. Un mestiere duro che per essere svolto necessità di tante qualità, ma soprattutto di due componenti: passione e voglia di aiutare gli altri.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una vita in sala operatoria, il dottor Marcucci va in pensione

LeccePrima è in caricamento