menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno degli scatti della mostra.

Uno degli scatti della mostra.

Live acustico, un libro, una mostra fotografica: il ritorno di Lo.Ft

L'associazione culturale riapre i battenti sabato 28 ospitando nella rinnovata sede la cantante salentina Ties e l'artista romana Flavia Rossi

LECCE – Musica, libri e fotografie sanciranno il ritorno di LO.FT, associazione culturale leccese, dopo il restyling dei locali della sede di via Simini. Sabato, 28 aprile, a partire dalle ore 15.30 nell’ambito della rassegna “Unplugged in LO.FT” ci sarà il live acustico della cantante salentina Ties che, dopo le recenti date di Bologna e Madrid, torna nella sua terra d’origine per presentare i suoi ultimi brani e raccontarE qualcosa di più sul suo EP, prodotto dal musicista Zibba e dall'etichetta Platonica, in uscita nel mese di maggio.

Dopo l’introduzione di stampo musicale è prevista la presentazione del libro “Così nello sfavillio di un momento” e l’inaugurazione della mostra fotografica “Una geografia personale” dell’artista romana Flavia Rossi, alla presenza dell’autrice e del curatore Niccolò Fano. La mostra - visitabile dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 19, fino al 12 maggio - racconta della frantumazione di una memoria in una miriade di ricordi, uno dei cardini stilistici delle fotografie di Flavia Rossi. La fotografa romana prende infatti ispirazione da ciò che la circonda e da tutte le forme d’arte e non è una sorpresa il fatto che i suoi scatti siano stati definiti delle “finestre sull’anima”.

Nel corso degli anni Flavia si è circondata di immagini ricorrenti, scattate in posti e anni differenti, prendendo spunto dalla letteratura e dalla filosofia, da poeti come Shakespeare, Wordsworth o Ungaretti, scrittori come Joyce, Tabucchi o Svevo, immagini che hanno iniziato ad accompagnarla, a posarsi in modo leggero sopra le lenti degli occhiali che non porta.

Le interessano le forme di alterazione dei ricordi e l’imprecisione della memoria che genera qualcosa di nuovo, che si va a collocare tra quello che si è vissuto e quello che si è magari solamente immaginato. Queste considerazioni hanno portato l’autrice a riflettere sul modo in cui lo spazio è percepito e a chiedersi se ogni persona arrivi a possedere, con il tempo, un proprio atlante personale, un atlante delle emozioni. Da qui il nome della mostra “Una geografia personale”.

Il suo lavoro è stato raccolto nel 2017 in un libro autoprodotto dal titolo “Così nello sfavillio di un momento” che verrà presentato prima del vernissage della mostra insieme al curatore Niccolò Fano. Il libro è stato presentato in diversi festival in Italia, come Funzilla, Scanner e Gazebook ed è tra le fanzine selezionate per l’edizione 2018 di Castelnuovo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento