rotate-mobile
social

Dimore storiche del Salento aperte al pubblico: dal capoluogo ai Comuni della provincia

L'Associazione dimore storiche italiane proporrà un'iniziativa a Lecce per il giorno 14 maggio. La domenica successiva (21 maggio) palazzi, ville, castelli e masserie saranno fruibili in gran parte del territorio

LECCE - Nel capoluogo salentino la XIII giornata nazionale dell’Associazione dimore storiche italiane, curata dalla stessa Adsi, inizia in anticipo, domenica 14 maggio con un appuntamento speciale a cura dell’Istituto Oxford Group International House di Lecce. Sarà un’anteprima della XXVIII edizione di Cortili aperti, in programma domenica 21 maggio.

Oltre 30 le dimore dislocate nel centro storico offriranno ai numerosi visitatori e turisti la possibilità di varcare le soglie della bellezza. La giornata prevede un itinerario tra i tesori nascosti dell'urbe: giardini, androni e chiostri saranno le location di un ricco programma di visite guidate anche in lingua, musica, spettacoli dal vivo, incontri, mostre e altri eventi che vedranno protagonisti gli allievi di numerosi istituti scolastici della città. 

Imparare giocando

Domenica 14 maggio, dalle 10 alle 13, alla Fondazione Palmieri, in vicolo Sotterranei, si svolgerà un gioco a squadre alla conquista dei principali monumenti del patrimonio della città. Gli studenti e le studentesse della classe II A della secondaria di primo grado dell’Istituto Oxford Group International House solleciteranno alla sfida coetanei, adulti e turisti con quiz e indovinelli sulla storia dei principali monumenti del centro storico, diventando portavoce e ciceroni di alcuni gioielli del barocco. Il percorso prevede diverse tappe che comprendono piazza Duomo, palazzo Marrese (piazzetta Falconieri 2), il Sedile (piazza Sant’Oronzo), la Chiesa di Santa Chiara e la Chiesa di San Sebastiano (attuale sede della Fondazione Palmieri) dove gli stessi studenti condurranno una visita guidata in italiano, inglese e spagnolo. Durante la manifestazione “Cortili aperti”, invece, domenica 21 maggio, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, l’itinerario includerà l’Obelisco, Porta Napoli, Palazzo Guarini (esterno), Chiesa di Santa Maria della Porta, Palazzo Cinquecentesco (esterno), Teatro Paisiello, Chiesa di San Giovanni di Dio, Palazzo Palmieri (esterno), Palazzo Marrese (esterno), piazza Duomo, sempre con una guida in lingua italiana, inglese e spagnola.

Tappeto volante a Ruffano

Nei Comuni del territorio

Le iniziative che si terranno in occasione della “Giornata nazionale Adsi”, domenica 21 maggio, oltreché a Lecce si svolgeranno anche in diversi Comuni della provincia. Qui saranno aperti e visitabili palazzi storici, ville, castelli e masserie.

A Cavallino, per esempio, saranno aperti al pubblico la galleria del palazzo ducale dei Castromediano, l’atrio e la sala consiliare “Mario Gorgoni”.

Giunge, invece, alla sua IV edizione la manifestazione “Cortili aperti” nel borgo di Ruffano: da palazzo Gaetani, in corso Margherita di Savoia, al Tappeto street art della scalinata del centro storico, in via Regina Elena; dai racconti di ceramica di Kiasmo, in piazzetta Centurione Ruffo, a palazzo Pio in via Cesare Battisti; dal Castello Brancaccio, oggi Pizzolante-Leuzzi innalzato su una rocca medievale, alla Chiesa della Natività Beata Maria Vergine, entrambi in piazza del Popolo, e a Casa Bortone con la scala esterna decorata da mensole e foglie d’acqua, in via Antonio Bortone.

A Botrugno sarà possibile visitare Palazzo Marchesale, mentre a Caprarica di Lecce, il Castello Baronale. Casamassella, piccola frazione di Uggiano la Chiesa, aprirà le porte dell’elegante castello residenza fortificata di Ruggero Maramonte.

Proseguendo, a Tutino si potrà ammirare il castello che domina la piccola piazza del rione di Tricase, che fu residenza nobiliare di Luigi Trane; a Minervino di Lecce occhi aperti per il Palazzo Ducale Venturi, noto come Castello Nuovo. Infine, Alessano aprirà al pubblico il giardino di Palazzo Ducale e parte della dimora, mentre a Sternatia il Palazzo Granafei, posizionato nel cuore del centro storico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimore storiche del Salento aperte al pubblico: dal capoluogo ai Comuni della provincia

LeccePrima è in caricamento