Mercoledì, 22 Settembre 2021
social

Alto rischio, divieto di trasferta: ad Andria il Lecce senza i suoi tifosi

La decisione prefettizia richiama la forte rivalità tra le due due tifoserie e gli incidenti verificatisi nel gennaio del 2016

Capitan Lepore ad Andria nel gennaio del 2016.

LECCE – Non ci sarà trasferta per i tifosi del Lecce in occasione della partita di sabato sera ad Andria, alle ore 20.30, valevole per la dodicesima giornata. Un testacoda, dunque, senza i colori giallorossi sugli spalti, considerando che la formazione di casa è ultima in classifica, con la Paganese, mentre quella salentina si trova al primo posto.

Il prefetto di Barletta-Andria-Trani ha disposto il divieto di vendita dei biglietti a tutti i residenti nella provincia di Lecce. La partita, infatti, è stata connotata come caratterizzata da alti profili di rischio: la rivalità tra le due tifoserie e nota e nel gennaio del 2016, sempre ad Andria, si registrano disordini prima del match che portarono al fermo di sei ultras del Lecce e alla denuncia a piede libero di altri cinque. Il prefetto si è avvalso della determinazione dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni sportive.

Intanto la squadra di Liverani ha ripreso la preparazione questa mattina a Martignano. Nemmeno il tempo di godersi la sofferta vittoria contro il Cosenza che i giallorossi devono pensare già ai prossimi ravvicinati impegni: dopo la gara di Andria ci sarà il turno infrasettimanale contro la Casertana (martedì pomeriggio, alle 18.30) e quindi la trasferta di Siracusa, sabato 11 (16.30). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alto rischio, divieto di trasferta: ad Andria il Lecce senza i suoi tifosi

LeccePrima è in caricamento