rotate-mobile
social Carmiano

Dalla tensione alla gioia finale: Eva e nonna Pasqualina protagoniste ad "Affari tuoi"

Ieri sera (18 marzo) in onda la puntata con la concorrente di Carmiano, che ha portato a casa 34mila euro dopo aver accettato l'offerta del "dottore"

Nonna e nipote sono state protagoniste ieri sera durante la puntata del programma "Affari tuoi", condotto da Amadeus ed in onda su Rai1. In rappresentanza di tutta la Puglia ha partecipato come concorrente la carmianese Eva Agrimi, di professione estetista e madre di due bimbe, Rachele Sole di 6 anni ed Ester di 2 anni. Accanto a lei non è mancato il supporto di nonna Pasqualina. 

Pronti via, si inizia male. Alla prima chiamata, il pacco in possesso della rappresentante campana fa sparire la cifra di 200mila euro. Ma non c'è da abbattersi, anzi bisogna andare avanti. 

Il momento clou della puntata arriva quando mancano tre box da aprire: dopo aver rifiutato un primo cambio, Eva sceglie di sostituire il suo pacco 6 con il 7 del Lazio. Numero, quest'ultimo, a cui è molto legata per motivi religiosi. Una scelta che risulterà decisiva, poiché scoprirà che la scatola precedentemente in suo possesso conteneva solo 100 euro. 

A questo punto rimangono due somme in ballo: 5 e 100mila euro. C'è tensione nell'aria, la differenza tra le cifre è davvero importante. Inoltre, Eva ha un mutuo da pagare con il marito e quei soldi farebbero comodo a tutti. 

Dunque, il "dottore" di Affari tuoi, tramite Amadeus, offre 34mila euro per chiudere i giochi e così lei accetta. Altra scelta risultata positiva, visto che il suo nuovo pacco conteneva 5 euro.

Tanta gioia per nonna e nipote che sono tornate nel Salento dopo aver vissuto un'esperienza esaltante. Moltissimi abitanti di Carmiano hanno seguito l'esito della trasmissione facendo il tifo per le proprie concittadine.  

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla tensione alla gioia finale: Eva e nonna Pasqualina protagoniste ad "Affari tuoi"

LeccePrima è in caricamento