Il conto corrente Mps? Migrato in una banca virtuale. Proteste e disagi

A partire da metà dicembre alcuni clienti sono stati trasferiti da Mps a Widiba, accusando in alcuni casi problemi e disservizi

LECCE – Ci sono anche molti salentini tra i circa 60mila correntisti di Monte dei Paschi di Siena che hanno visto trasformarsi il proprio conto corrente in un conto Widiba, la banca online del gruppo Mps. Si tratta della prima fase di un’operazione (denominata Progetto Rondine) che riguarderà in totale 500mila clienti destinati a “migrare” verso un altro istituto di credito. Secondo quanto dichiarato da Mps, l’operazione avrebbe dovuto riguardare in primis i clienti che eseguono prevalentemente operazioni online, hanno una bassa giacenza media sul conto e bassi costi di conto corrente.

Di fatto, però, a partire da metà dicembre, alcuni clienti hanno visto, dall’oggi al domani, “sparire” il proprio conto, senza ricevere alcuna comunicazione in forma cartacea. Trattandosi tecnicamente di una cessione, secondo quanto previsto dal Testo unico bancario, doveva essere comunicata ai clienti 30 giorni prima dell'effettiva migrazione del conto. Ciò, secondo alcuni clienti, non è mai avvenuto, con una serie di problemi e imprevisti non di poco conto.

In alcuni casi, infatti, i correntisti si sono trovati impossibilitati ad accedere al proprio conto e hanno dovuto rivolgersi alla banca per ottenere spiegazioni e scoprire della “migrazione”. L’apertura del nuovo conto ha inoltre comportato, vista l’assenza di uno sportello e di una sede, l’attesa di almeno 48 ore per potere prelevare denaro contante, con tutte le problematiche del caso (pagamenti, scadenze, necessità di fare acquisti et cetera). Inoltre, lo spostamento ha riguardato, seppur in pochi casi, soggetti che con l’home banking non hanno mai avuto alcuna dimestichezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo alcuni correntisti si sono rivolti all’Adusbef (rappresentata a Lecce dall’avvocato Massimo Todisco), l'associazione di tutela dei consumatori specializzata nel settore finanziario, bancario e assicurativo. In molti casi sono già partite le diffide, nonostante i disservizi siano stati temporanei. Nelle prossime settimane si valuteranno le soluzioni da adottare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento