rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
social Gallipoli

La banda dei poliziotti torna in azione nel Salento. In onda la miniserie “Cops2”

Torna sugli schermi di Sky Cinema la seconda stagione della miniserie girata tra Lecce, Nardò, Gallipoli, Acaya e Melpignano con Claudio Bisio. In scena si conferma il baby attore gallipolino Emanuele Zollino

GALLIPOLI - Da questa sera alle 21, e anche lunedì prossimo, 13 dicembre, tornano in onda in prima assoluta sugli schermi di Sky Cinema Uno (anche in streaming su Now Tv, e disponibili on demand) le avventure della sgangherata banda di poliziotti del commissariato di Apulia, guidata da Claudio Bisio nei panni del commissario Cinardi, nella miniserie “Cops-2”.

La prima fortunata serie è andata in onda in due puntate a dicembre dello scorso anno sempre su Sky Cinema Uno. E anche questa  volta ad Apulia, un paese dal nome di fantasia, vanno in scena le peripezie degli agenti del commissariato del posto, a rischio chiusura perché la criminalità locale qui è ormai scomparsa da tempo.

Si tratta del sequel della commedia diretta già nel 2020 dal regista Luca Miniero e con la sceneggiatura di Sandrone Dazieri. Una produzione Sky Original realizzata con Banijay Studios Italy in associazione con Memfis Film e con il sostegno di Regione Puglia e Fondazione Apulia Film Commission e Pugliapromozione.

Una produzione televisiva per il piccolo schermo che ancora una volta porta alla ribalta le location del Salento interessate dalle riprese girate fino alla scorsa estate principalmente tra i territori di Lecce, Nardò, Gallipoli (in particolare su piazza del Canneto), Acaya, Neviano, Arnesano e Melpignano. Per la realizzazione del film, inoltre, sono state impiegate, come sempre, diverse unità lavorative pugliesi.

I protagonisti della miniserie "Cops2"

Al cast della prima stagione, composto da Claudio Bisio, Francesco Mandelli (Benny the Cop), Giulia Bevilacqua (agente Maria Crocefissa), Pietro Sermonti (Nicola O'Sicc), Guglielmo Poggi (Tommaso) e Dino Abbrescia (zu 'Tore), Isa Gallinelli, si affiancano quest'anno anche Gaia Messerklinger nel ruolo di una giovane magistrata al primo incarico, Catia, mandata ad Apulia per risolvere il mistero di una preziosa croce sacra rubata, che mette in crisi in tutti i sensi il più anziano Cinardi.

E ancora Tullio Solenghi, Don Filippo, un ineffabile prelato tra Sherlock Holmes e Don Matteo, molto convinto delle sue abilità deduttive, che ha una linea diretta con Sua Santità, Massimo De Lorenzo, Don Manolo, il sacerdote che molti anni fa ha unito in matrimonio Nicola e Maria Crocefissa, oggi in crisi, e Ninni Bruschetta, il Conte, un nobile decaduto (e decadente), attorno al cui castello si svolge la vicenda ambientata nella seconda puntata.

Conferma per baby-attore Zollino

Un altro filo conduttore della miniserie “Cops2-Una banda di poliziotti” con la terra salentina è quello rappresentato dalla conferma nelle scene del baby-attore gallipolino Emanuele Zollino, 9 anni, che interpreta sempre il ruolo di “Mino”, uno dei figli di Maria Crocifissa (Giulia Bevilacqua) e Nicola O’Sicc (Pietro Sermonti).

Il piccolo attore in erba è rappresentato dall’agenzia “Isabella Romano Casting Child&Babies Model”, e in particolare per il piccolo Emanuele, che vanta già diverse esperienze lavorative tra film, due con ruolo e uno con comparsa (più uno spot pubblicitario per Vodafone) questa della commedia "Cops2" rappresenta la sua terza importante apparizione dopo la prima serie, sempre della commedia di Cops, e il ruolo di Davide, interpretato nella fiction di Rai 1, “Lolita Lobosco”, per la regia sempre di Luca Miniero e andata in onda, in quattro puntate, nei mesi scorsi.

“Incontrare di nuovo gli attori sul set è stata per me una grande gioia” racconta il piccolo Emanuele, “Giulia Bevilacqua l'avevo incontrata già un mese prima sul set di ‘Destini in fiamme’, è stata la stessa attrice ad avermi riconosciuto ed abbracciato. Anche con il regista, Luca Miniero, ho avuto modo di lavorare nei mesi precedenti sul set di ‘Le indagini di Lolita Lobosco” aggiunge Emanuele Zollino, “gli attori sono stati, come sempre, tutti molto affettuosi e disponibili. In molte giornate, sul set di questa estate, faceva un caldo tremendo, soprattutto nelle scene dove indossavo il saio. Ricordo ancora i complimenti del reparto costume per non essermi lamentato una sola volta, nonostante la mia età. Quando recito io mi diverto, e la fatica, e in questo caso anche il caldo, non li sento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La banda dei poliziotti torna in azione nel Salento. In onda la miniserie “Cops2”

LeccePrima è in caricamento