rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
social

"Mai arrendersi", Carlo Calcagni racconta la sua esperienza di vita all'istituto "Fermi"

Carlo Calcagni, colonnello del Ruolo d'onore dell'Esercito, atleta paralimpico plurimedagliato, campione di sport e di vita, ha raccontato la sua storia ad una platea silenziosa e attenta: dall'amore per la divisa alla passione per lo sport agonistico

LECCE - Martedì 14 febbraio presso l'aula magna dell'Iiss "Enrico Fermi" si è tenuto l'intenso incontro di studenti e docenti con il colonnello Carlo Calcagni, che ha concluso il ciclo  "Dialogando con il Fermi: Sport, Emozioni e Crescita" .

"Testimonianza emozionante", "grande personalità, grande esempio". Questi sono solo alcuni dei commenti dei presenti. Carlo Calcagni, colonnello del Ruolo d'onore dell'Esercito, atleta paralimpico plurimedagliato, campione di sport e di vita, ha raccontato la sua storia ad una platea silenziosa e attenta: dall'amore per la divisa alla passione per lo sport agonistico, che lo ha visto per 15 volte vincere il titolo di campione italiano di ciclismo su strada; nel 2001 viene premiato dal Capo di Stato maggiore della difesa come miglior atleta dell'Esercito italiano .

Ma nel 2002 la sua vita in un attimo cambia: avverte uno strano affaticamento, si sottopone a visite ed esami e  scopre  una gravissima intossicazione da metalli pesanti, il suo organismo si è ammalato in maniera irreversibile, con conseguenze devastanti e invalidità permanente.

Immagine dell'evento-2

Cardiopatia, mielodisplasia, morbo di Parkinson e sensibilità chimica multipla, lo costringono ad affrontare estenuanti terapie quotidiane e frequenti interventi salvavita. "Superati i 300 ho smesso di contare i punti di sutura" racconta. Soltanto una ferrea determinazione e lo sconfinato amore per la vita e per lo sport gli consentono di continuare a vivere, allenarsi e conquistare nuovi titoli e medaglie nonostante  il dolore sia diventato un compagno onnipresente. Dice di lui il giornalista Ludovico Malorgio intervenuto all'incontro :" ...autentico interprete di quei  valori assoluti che sono propri dello sport come la lealtà, il rispetto delle regole, il fair play".

Carlo Calcagni, così, ha sollecitato gli studenti a non sprecare un solo attimo della propria vita, ad avere fame di conoscenza. "Mai arrendersi" è il suo motto . Nel 2015 riceve il premio ‘Pino Puglisi’  perché “si è donato agli altri senza nulla chiedere”, ricorda la motivazione. Dignità, determinazione, amore verso il prossimo, coraggio, sacrificio e speranza  sono le componenti  dell’indole di questo uomo. “Le medicine mi fanno sopravvivere, ma è la bici che mi tiene in vita”, lo ripete più volte e studenti e docenti applaudono, commossi,  un uomo, un atleta, un campione in tutti i sensi . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mai arrendersi", Carlo Calcagni racconta la sua esperienza di vita all'istituto "Fermi"

LeccePrima è in caricamento