Nuovo crollo nella piccola insenatura di Porto Miggiano: rabbia e polemiche sul web

A denunciarlo lo stesso comitato del luogo, impegnato nella tutela di uno dei porticcioli più suggestivi del Salento. Il danno ambientale ben visibile in una foto

La foto dal profilo del Comitato tutela Porto Miggiano

PORTO MIGGIANO (Santa Cesarea Terme) - Nuovo crollo nella piccola insenatura di Porto Miggiano. Lo ha comunicato, questa mattina, il comunicato dei volontari impegnati nella tutela del paesaggio. La scoperta nelle ultime ore, quando alcuni cittadini di Santa Cesarea terme hanno scorto il cumulo di materiale pietroso che si è staccato dalla falesia e ora depositato in una delle calette più suggestive dal punto di vista paesaggistico.

Il comitato ha denunciato in un post su Facebook “incuria, inettitudine, incapacità e disinteresse”, atteggiamenti che avrebbero consentito l’ennesimo danno ambientale a un luogo che, invece, si sarebbe dovuto tutelare. Numerosi i commenti da parte degli utenti del web.

“Ringraziamo l'illuminata politica locale che ha partorito le idee migliori per trasformare Santa Cesarea, l'ex "perla del Salento" in esempio negativo di degrado e di distruzione di bellezze naturali”, hanno scritto sul social network i portavoce dell’organizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento