rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
social Muro Leccese

Kermesse a Muro Leccese, Odalis Soza è la nuova miss progress international 2023

Viene dal Nicaragua, studia marketing e ha presentato un progetto che punta alla riforestazione e alla meliponicultura in una zona del suo Paese

MURO LECCESE - La ventitreenne, quasi ventiquattrenne, nicaraguense Odalis Soza è la nuova miss progress international 2023. La studentessa universitaria di marketing, sabato sera (23 settembre) si è imposta durante la manifestazione svolta al Mercato delle idee di Muro Leccese aggiudicandosi la nona edizione mondiale di “Women for progress - Donne a sostegno del mondo”.

La manifestazione si pone l'obiettivo di valorizzare i migliori progetti sui temi relativi all'ambiente, alla salute e ai diritti umani. Odalis ha preso spunto dai problemi delle famiglie che vivono in povertà in Nicaragua a causa della bassa produttività agricola e ha proposto un progetto - valutato dapprima il migliore in ambito ambientale - che punta alla riforestazione e alla meliponicultura nella riserva naturale di Cerro Frio, tramite l’acquisto di 7.500 piante per raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile.

Nel corso della kermesse organizzata dall’associazione tarantina “In Progress” presieduta da Giusy Nobile e diretta da Giuseppe Borrillo sono state premiate anche Kana Sagara (Giappone) per l'ambito "salute", Kimberly Luna (Messico) per quello dei "diritti umani", Nicole Herzan (Perù) per l’integrazione culturale, Trixia Parmerola (Spagna) per il tema "internet" e Arya Naik (India) per il miglior costume nazionale.

Le miss premiate

L’evento ha goduto del patrocinio morale del ministro della cultura, Gennaro Sangiuliano, dell’Unar (dipartimento antidiscriminazioni della presidenza del Consiglio dei ministri) e del presidente della giunta della Regione Puglia, Michele Emiliano ed è stato visto in diretta streaming in tutto il mondo tramite jotv.it e i canali social. 

Prima di questo appuntamento le venti finaliste hanno realizzato uno shooting fotografico con il fotografo Antonio Zanata e visitato alcuni tra i luoghi più significativi del Salento, grazie anche alla collaborazione del Fondo ambiente italiano (Fai), dell’associazione Marina Serra, della pro-loco di Leuca, della Fondazione Ieo- Monzino di Milano e dell’Inner wheel club di Tricase.

Durante la finale, le cui coreografie sono state curate da Giuseppe Carrieri, sono intervenuti il cantante Andrea Grassi, Mago Manisco e miss progress international 2022 Francesca Speranza, vincitrice della scorsa edizione. All’evento hanno partecipato inoltre la presidente dell’Inner wheel club Tricase-Leuca Rossana Rossoni, la docente dell'Università Europea di Tirana Stela Karaj, l’urologo Stefano Luzzago (Ieo) e i componenti di giuria Mariangela Martella, Anna Leo, Tatiana Bisanti e Fernando Sodero. A fine serata il sindaco di Scorrano Mario Pendinelli ha salutato le concorrenti al Museo delle luminarie, fiore all’occhiello del Salento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Kermesse a Muro Leccese, Odalis Soza è la nuova miss progress international 2023

LeccePrima è in caricamento