rotate-mobile
social Campi Salentina

Pinocchio arriva a Campi Salentina: il dono è dell'artista Stefano Conticelli

La cerimonia di consegna si terrà all’interno del nuovo teatro intitolato all’illustre cittadino del "Carmelo Bene"

CAMPI SALENTINA - Si terrà domani, venerdì 9 giugno, alle ore 19.30, presso il nuovo Teatro “Excelsior – Carmelo Bene”, la cerimonia di donazione alla città di Campi Salentina della scultura “Pinocchio”, realizzata dal maestro Stefano Conticelli.

Proprio dal testo dell’omonima opera teatrale di Carmelo Bene, l’artista di fama internazionale, ha tratto ispirazione per la creazione della scultura in legno di rovere e cuoio, realizzata nel 2019. 

Il “Pinocchio” di Carmelo Bene è andato in scena per la prima volta nel 1961 al Teatro Laboratorio di Roma. Ha avuto altre repliche teatrali nel 1966, 1981 e 1998, una versione adattata per la televisione nel 1999, tre edizioni radiofoniche e una discografica.

Pinocchio

“Sono onorato di poter donare al Comune di Campi Salentina un’opera che rappresenta Pinocchio nella sua pura essenza di bambino, così come l’ho pensato e immaginato, ispirandomi proprio all’illustre concittadino Carmelo Bene – dichiara il Maestro Stefano Conticelli.  Il mio incontro con Pinocchio risale all’infanzia e, come tutti i bambini, ne sono rimasto affascinato. È stata una folgorazione, invece, la visione del “Pinocchio” di Carmelo Bene. L’ho vissuto come un modo di permanere, persistere nella semplicità dell’infanzia. Ho voluto quindi rappresentare Pinocchio nudo, spogliato di tutte le contaminazioni dell’età adulta: rimane un ciocco di legno, simbolo di come crescere rimanendo sé stessi. Intendo dunque fare omaggio di questo mio lavoro – conclude – pensato e realizzato con grande amore e passione, al meraviglioso comune di Campi Salentina, che mi ha accolto sempre con grande entusiasmo e affetto”.

“È veramente un grande onore poter ricevere queste importanti opere che saranno ospitate permanentemente all’interno del teatro – afferma il sindaco Alfredo Fina - Ringrazio il maestroConticelli per l’emozionante gesto nei confronti di Campi Salentina che rafforza il legame che la nostra cittadina ha sempre avuto con Carmelo Bene, al quale nell’ottobre del 1995 furono anche consegnate le chiavi della città”.
 

Stefano Conticelli - Credits Tommy Della  Frana

L'artista: biografia

Stefano Conticelli, spirito eclettico e libero vive e lavora nella campagna di Orvieto, nella generosa terra d’Umbria ricca di storia, tradizione, cultura.
Il naturale talento creativo di Stefano affonda le sue radici in famiglia. Coadiuvato da una spiccata manualità e da una profonda conoscenza dei materiali, nella sua Bottega egli sa creare collezioni originali, a piccole tirature, con interpretazioni sempre in equilibrio fra poesia e ironia. 
Per genialità e raffinatezza esecutiva le sue creazioni, realizzate sempre a mano, sono ammirate e richieste dai più famosi imprenditori che rappresentano nel mondo l’eccellenza del prodotto italiano.

Per Stefano la sua bottega è luogo di continua ricerca e fonte di risorsa interiore. Oltre ad improntarne l’attività creativa, ultimamente egli ha intrapreso un percorso più privato e personale realizzando opere uniche, che danno vita alla parte più intima del suo sentire, con contenuti di grande attualità.
Le sue opere più significative sono la scultura “Aria” per la Barcolana di Trieste; “Save the Ocean”, 7 tableaux per la salvaguardia del mare dall’inquinamento da plastica; “Atmosfere di scuderia”, ricostruzione delle scuderie di Raffaello nell’ambito della mostra “Raffaello e l’antico nella villa di Agostino Chigi” alla Villa Farnesina, tuttora in corsa fino al prossimo 2 luglio. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pinocchio arriva a Campi Salentina: il dono è dell'artista Stefano Conticelli

LeccePrima è in caricamento