menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Anna Chiara Ingrosso e Fabrizio Saccomanno durante le prove.

Anna Chiara Ingrosso e Fabrizio Saccomanno durante le prove.

"La ragione del terrore". Koreja alla ricerca delle radici della violenza

Nell'ambito di Strade Maestre il nuovo spettacolo in scena. Con Anna Chiara Ingrosso e Fabrizio Saccomanno per la regia di Salvatore Tramacere

LECCE – Si chiama “La ragione del terrore” il nuovo spettacolo di Koreja che, nell'ambito della rassegna "Strade maestre", farà il suo debutto giovedì 19 aprile alle 20.45 e sarà rappresentato tutti i giorni fino a domenica, quando però il sipario si alzerà alle 18.30.

Con la regia di Salvatore Tramacere prende vita un racconto sull’apparente inevitabilità di alcune conseguenze, basato su fatti realmente accaduti. I protagonisti sono Anna Chiara Ingrosso e Fabrizio Saccomanno, la drammaturgia è affidata a Michele Santeramo.

La storia

C’è un uomo che ha bisogno di farsi perdonare qualcosa. E chi non è in una condizione simile?  Lui ha bisogno di farsi perdonare un fatto grave, qualcosa che lei, la donna, proprio non riesce a dimenticare. Per farlo, ha bisogno di raccontare quel che è successo a un pubblico, perché ciascuno tra i presenti comprenda la ragione del terrore. Sembra un destino connaturato all’uomo: si reagisce al male subito con il male, in una spirale che sembra essere senza soluzione. Se hanno distrutto la città in cui vivevi, se hanno ammazzato i tuoi, se ti hanno costretto a lasciare tutto e scappare, come vuoi reagire?  Come ti aspetti che reagisca uno in questa condizione? Tutto, secondo Vittorini, è profondamente nell’uomo. Il male non esisterebbe se non fosse nell’uomo, nel singolo uomo. E allora, se è così, anche la soluzione al male deve essere nell’uomo.

La chiave di lettura

Lo spettacolo prova a ragionare su questi temi per provare a capire se esiste una ragione al terrore provocato. Al dolore, alla violenza. C’è una ragione? E se sì, è condivisibile? Questo è un racconto sull’apparente inevitabilità di certe conseguenze. Perché ci sono storie che nella loro linearità sembrano semplici. E poi non bisogna stupirsi quando deflagrano, perché era prevedibile.

Riflettendo intorno a questi temi, abbiamo scoperto che c’è una soluzione umana, profondamente umana: forse si chiama stanchezza, forse codardia, forse solo necessità di sottrarsi, di farsi da parte; c’è, forse, una maniera per scardinare ogni ragione del terrore.

Info e costi spettacolo

Biglietto € 10,00 intero - € 8 ridotto (under 30 e over 60) - Biglietto A.D.I.S.U. per Studenti Universitari, Conservatorio e Accademia è € 4,00. Info e prenotazioni: 0832/242000 -  www.teatrokoreja.it

Info e prenotazioni: Cantieri Teatrali Koreja, via Guido Dorso, 70

tel. 0832-242000. Le promozioni Non sono cumulabili. www.teatrokoreja.it;            

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento