← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Costituito il comitato per il parco Tafuro

Via Luigi Corvaglia · Leuca

Si è costituito in questi giorni a Lecce il Comitato per Parco Giorgio Tafuro, il parco situato in via Corvaglia ed in una porzione di via Dell’Abate, nel Quartiere Leuca. Il comitato, apartitico ed apolitico ed ispirato a principi democratici, è stato costituito da cittadini residenti nei pressi del parco e/o frequentatori abituali del medesimo. Il comitato si costituisce con l’intenzione di sensibilizzare l’amministrazione comunale di Lecce e l’opinione pubblica sullo stato del parco. L’obiettivo è quello di ottenere la realizzazione – da parte del Comune di Lecce – di tutte quelle opere necessarie per la messa in sicurezza, la recinzione, la custodia e la vigilanza della struttura e per rendere sicuri i giochi per bambini. Parco Tafuro è, anzi potrebbe essere un meraviglioso parco attrezzato se non fosse trascurato e, soprattutto, realizzato in spregio alle principali norme internazionali sulla sicurezza in tema di realizzazione dei parchi giochi e dei giochi per bambini (norme internazionali UNI EN 11123, 1176 e 1177, in particolare). Il parco, nonostante la sua grande estensione, non ha alcuna recinzione che consenta di preservarlo dai frequenti atti vandalici a danno di giochi, panchine, cestini per i rifiuti. I giochi per bambini, poi, non sono sottoposti a manutenzione periodica (come prescritto) e non rispettano le principali norme sulla sicurezza: mancano infatti del tutto, tra le altre cose, i dispositivi che consentano di assorbire correttamente ed efficacemente le cadute (come brecciolina, gomma antishock certificata, ecc.), che sono invece presenti presso la Villa Comunale e la maggior parte dei parchi cittadini realizzati negli ultimi anni. Insomma, uno dei migliori parchi della città, anche per la bella vegetazione presente, assai frequentato da famiglie in un quartiere tanto popoloso, costituisce, di fatto, uno strumento di pericolo. Non si può tacere infatti della cattive frequentazioni serali e notturne, che hanno portato e portano tuttora alla frequente vandalizzazione della struttura, anche a causa della scarsa illuminazione di diverse zone dell’area, che diventano spesso luogo di spaccio di sostanze stupefacenti. Di recente l’Amministrazione Comunale ha effettuato interventi spot, ripristinando i sedili in pietra di alcune panchine collocate nei pressi dei “Ponticelli” nel corso del piano di rigenerazione urbana, ed acquistando nuovi cestini/contenitori dei rifiuti. Si tratta, è evidente, di provvedimenti parziali e temporanei, oltre che assai probabilmente inefficaci, sino a che non vi sarà una recinzione intorno al parco. Il comitato chiede: 1) Recinzione dell’intero perimetro dell’area parco, con innalzamento della palizzata che divide il parco dalla ferrovia, ora facilmente scavalcata per raccogliere il pallone anche dai binari; 2) Disciplina degli orari di ingresso ed uscita, con chiusura al pubblico nelle ore notturne; 3) Eventuale custodia; 4) Manutenzione straordinaria e/o sostituzione dei giochi per bambini; 5) Realizzazione dei dispositivi antishock per l’assorbimento delle cadute in corrispondenza di ciascun gioco; 6) Sistemazione e/o sostituzione delle panchine vandalizzate; 7) Sostituzione dei cestini asportati o vandalizzati; 8) Sostituzione di alberi e piante danneggiati o mancanti a causa di eventi atmosferici o di altra natura; 9) Videosorveglianza; 10) Vigilanza della zona dei “Ponticelli”, anch’essa spesso mal frequentata. Il Comitato per parco “Giorgio Tafuro” si candida, inoltre, ove necessario, alla gestione diretta delegata dal Comune. In applicazione del Programma UNICEF “Città amiche dei bambini e delle bambine”, il Comune di Lecce nei giorni scorsi ha concesso la cittadinanza onoraria ai bambini stranieri residenti in città. Si tratta di un’iniziativa simbolica che tuttavia, rientrando nel Programma citato, obbliga il Comune ad adottare un bilancio dedicato all’infanzia assicurando, ai sensi del punto 6 del Programma, un impegno adeguato di risorse e un’analisi finanziaria a favore dell’infanzia. Si tratta di un obbligo preciso a carico dell’Italia e dei Comuni, conseguente alla ratifica della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Dunque il Comune di Lecce è impegnato a stanziare fondi propri e/o a reperire fondi nazionali e comunitari per assicurare un parco funzionante e sicuro. Il Programma Unicef garantisce infatti a bambini e adolescenti, di poter vivere e giocare in sicurezza. Tante sono le domande che negli anni i cittadini hanno posto alla vecchia amministrazione comunale, una per tutte: come mai è sfuggito a chi ci ha amministrato e a chi ideato e realizzato il programma di rigenerazione urbana del quartiere Leuca, lo stato di assoluto abbandono e le carenze macroscopiche del parco, che è un importantissimo bene collettivo della città? Questa domanda, nella quale è racchiuso tutto il malcontento dei cittadini del quartiere Leuca e dei promotori e partecipanti al Comitato per parco Tafuro, deve essere necessariamente rivolta ora all’attuale Amministrazione Comunale, che ha fatto dell’ascolto del cittadino e delle sue esigenze il proprio elemento caratterizzante. I promotori hanno eletto come portavoce Manuel Buccarella. Lecce, 9 febbraio 2018

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
LeccePrima è in caricamento