← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Furti di auto a Lecce, una piaga che colpisce tutti

Via A. Diaz, 30 · Rudiae

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Basta dare un'occhiata alle notizie di cronaca a Lecce, per capire che il fenomeno di furti d'auto ed in appartamento è aumentato a dismisura negli ultimi due mesi:  furti nei parcheggi del cinema Multisala a Surbo, furti allo stadio Via del Mare, furti in pieno centro città, furti un po' ovunque.

La situazione è divenuta insostenibile e poco rassicurante.

L'ennesimo episodio di questa pratica barbara e criminale è avvenuto nella serata di mercoledì 11 Dicembre, a Lecce laddove è stata rubata l'ennesima fiat 500 1.3 Multijet parcheggiata sotto le telecamere della centrica via Armando Diaz ( foto allegate ).

Nella stessa serata, è stata scassinata un altra fiat 500 in zona Hotel Tiziano; dove sono stati visti aggirarsi da giorni loschi individui.

Purtroppo non tutti denunciano, forse perché il danno subito è risultato lieve come un vetro o un bloccasterzo rotto o forse per pigrizia: occorre già perdere sufficiente tempo e denaro per riparare il danno subito, figuriamoci se dovessimo anche investire del tempo in questura. La mancata denuncia, tuttavia, è deleteria e non aiuta a far capire l'entità e il numero crescente di questo fenomeno alle autorità.

I furti sempre più frequenti e la paura di subirne affliggono la nostra vita serena e quella della nostra provincia.

Questo dovrebbe portare tutti i cittadini ad un maggiore impegno, sensibilità, controllo e monitoraggio auto-nomo (scusate il gioco di parole) del proprio territorio. In questo maniera, si potrà aiutare se stessi, i propri amici, i familiari e concittadini da “primo cittadino”, perché la città è NOSTRA e l’amministriamo noi prima di tutto. La cattiva abitudine di pensare che un problema non è affar nostro potrebbe vederci protagonisti, prima o poi, e toccarci direttamente o indirettamente.

Occorre ritrovare la solidarietà e denunciare, segnalare e fare passaparola per il bene comune della propria città e capire che laddove lo stato e le forze dell'ordine non riescono ad arrivare, devono essere, senza remore e paura, necessariamente gli stessi cittadini a rappresentare la Res Publica.

Uno dei più grandi pensatori dell'età repubblicana, Marco Tullio Cicerone così scriveva: «La res publica è cosa del popolo; e il popolo non è un qualsiasi aggregato di gente, ma un insieme di persone associatosi intorno alla condivisione del diritto e per la tutela del proprio interesse».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ormai una volta presi,non fanno neanche galera,male che gli vada vanno ai domiciliari.La rabbia dei cittadini e tanta e non vorrei che alla fine si faccia giustizia da sola.Li conoscono,sanno dove vivono,chi frequentano e come si muovono e allora? c'è il modo di fargli passare i bollenti spiriti eloro li conoscono ma tantè

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento