rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
social Tricase

Il mondo della radio entra nelle scuole: giovani più vicini alle discipline Stem

Appuntamento il 24 aprile all'Iiss “Don Tonino Bello” di Tricase, per l'iniziativa organizzata dai radioamatori di Ari Lecce. Ufficializzata la richiesta di contatto con gli astronauti sulla Stazione spaziale internazionale

TRICASE - Si svolgerà nella mattinata di mercoledì 24 aprile, presso la sede centrale di Tricase dell'Iiss “Don Tonino Bello” - “Nino Della Notte”, l'iniziativa denominata “Le giornate per la radio nelle scuole 4.0, dai social online ai social on air'". L'evento è organizzato per il secondo anno consecutivo in questo istituto dalla sezione Ari (associazione radioamatori italiani) di Lecce, gruppo di Tricase, e vanta il patrocinio del medesimo Comune salentino. 

Le giornate sono comprese nel periodo dal 13 aprile al 18 maggio e sono dedicate alle celebrazioni dei 150 anni della nascita di Guglielmo Marconi. Il vero obiettivo è quello di far appassionare i giovani alle discipline Stem (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) incoraggiandoli, al contempo, a studiarle.

Quali sono le attività

- Il veliero parlante: la quindicesima edizione dell'evento quest'anno racconta le esperienze laboratoriali condotte nelle scuole della rete (52 della provincia di Lecce) sul tema dei valori. Il “Don Tonino Bello” è capofila per le Stem proprio con le attività organizzate insieme ad Ari Lecce.

- Aspettando la stazione speziale internazionale: nei giorni scorsi la sezione Ari di Lecce (gruppo di Tricase) ha ufficialmente presentato la richiesta di un “Ariss school contact” per il primo semestre 2025. Si tratta di un programma creato e gestito dalle organizzazioni radioamatoriali di tutto il mondo e dalle agenzie spaziali tra le quali Nasa (Usa), Roscosmos (Russia), Esa (Europa), Csa (Canada), Jaxa (Giappone). Un'attività educativa molto entusiasmante che consente alle studentesse e agli studenti di tutto il mondo di provare l’emozione di parlare via radio, utilizzando una stazione radioamatoriale, con l’equipaggio a bordo della Stazione spaziale internazionale. 

Il programma del 24 aprile

All'istituto “Don Tonino Bello”  si prevede una prima parte dedicata alla formazione degli studenti anche con cenni di  elettronica, elettrologia, radiotecnica, fisica, studio e costruzione delle antenne, storia di Marconi e della radio. I Radioamatori di Ari Lecce metteranno anche l'accento su un un tema che li riguarda in prima persona: le radiocomunicazioni alternative di emergenza.

La seconda parte sarà pratica e le ragazze ed i ragazzi del “Don Tonino Bello” potranno toccare “con mano” ricetrasmettitori e relative attrezzature di supporto, molte delle quali autocostruite.

Verranno allestite diverse Stazioni Radio “campali”, operative su bande e modi diversi, sia a corto che a lungo raggio. Studentesse e stidenti assisteranno, tra l'altro, anche alla ricezione “live” delle carte meteofax via radio, ad una simulazione di montaggio di una stazione radio campale in caso di emergenza ed avranno la possibilità di testare le antenne costruite a scuola durante l'anno scolastico.

Due le novità di quest'anno:

- la dimostrazione di un collegamento radio operato a mezzo del Cw, meglio noto come “Codice Morse”, sempre affascinante perchè grazie a punti e linee permette di andare ancor più lontano di quanto non si riesca a fare con la voce umana;

- la partecipazione all'attività di Giambattista “Gianni” Capitanio, uno dei radioamtori più noti di Puglia e non solo. Capitanio è il fondatore di Prosistel con sede a Monopoli (Ba), da oltre trent'anni azienda leader a livello mondiale nella produzione e distribuzione di antenne, accessori e rotori d'antenna .

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mondo della radio entra nelle scuole: giovani più vicini alle discipline Stem

LeccePrima è in caricamento