Giovani e tecnologia, partite le “Giornate di promozione della cultura scientifica”

Gli studenti salentini entrano nel Dhitech e nel Cnr grazie al progetto della Provincia di Lecce

LECCE- In 13 incontri dall’inizio del mese a oggi, già 600 studenti salentini hanno partecipato agli incontri tecno-scientifici: il Distretto tecnologico high tech – Dhitech Scarl, società consortile a responsabilità limitata a cui partecipano università, enti pubblici di ricerca ed imprese del territorio regionale, e l’Istituto Scienze produzioni alimentari (Ispa) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), hanno aperto nuovamente le porte grazie alle “Giornate di promozione della cultura scientifica” della Provincia di Lecce.

Promosso con l’obiettivo di avvicinare i più giovani al mondo della scienza e della tecnologia attraverso esperienze “in presa diretta” nei laboratori e nei luoghi di ricerca e innovazione, il progetto è ripartito all’inizio di febbraio con un ricco calendario di appuntamenti.

Giovedì 20 febbraio, sarà la volta di 40 studenti dell’Iiss “E. Medi” di Galatone, ospiti del Dhitech, distretto tecnologico presente all’interno del polo Universitario Ecotekne. Per gli studenti, frequentanti l’indirizzo informatico, sarà l’occasione di conoscere da vicino le attività e i progetti tecnologici sviluppati dalle aziende, alcune di livello internazionale, operanti all’interno del Dhitech e (progettazione e realizzazione di una Lan; indirizzamenti IP e subnetting; laboratorio con dispositivi Cisco).

Sempre giovedì 20 febbraio, 30 studenti del liceo classico “P. Colonna” di Galatina saranno ospiti dell’istituto Scienze produzioni alimentari (Ispa) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), diretto da Giovanni Mita. Dalle 9 alle 12.30, i ricercatori dell’Ispa guideranno gli studenti nei laboratori di Microbiologia e fermentazioni, colture cellularie microscopia, biologia molecolare, sequenziamento di acidi nucleici.

Cos’è il Dhitech 

La principale missione del Dhitech è favorire l’innovazione nel sistema sociale economico e produttivo regionale, nell’ambito delle politiche regionali, nazionali e comunitarie, attraverso attività congiunte tra istituzioni pubbliche di ricerca ed imprese private, favorendo il trasferimento tecnologico e la nascita di nuova impresa ad alto contenuto di tecnologie. Le competenze distintive del Dhitech storicamente riguardano le seguenti aree di specializzazione: Nanotecnologie molecolari per l’ambiente e la salute, ingegneria tissutale per la medicina rigenerativa, Ict per l’Innovazione nel disegno di prodotti e servizi ad alto contenuto di conoscenza e sostenibili.

Più in particolare, le aziende che saranno visitate sono: Dhitech, STMicroelectronics, Engineering Ingegneria Informatica, Eka, Apphia srl e Zero DD. Ecco in sintesi l’identikit delle imprese e ciò che gli studenti andranno a fare nelle singole sedi.

STMicroelectronics è un’azienda multinazionale italo-francese con circa 40.000 dipendenti, ed è uno dei più grandi produttori mondiali di componenti elettronici, usati soprattutto nell’elettronica di consumo, nell’automotive, nelle periferiche per computer, nella telefonia cellulare e nel settore cosiddetto “industriale” per la produzione di componenti elettronici a semiconduttore. STMicroelectronics è quotata alle borse di Parigi, New York e Milano. I settori operativi sono: Automotive and Discrete Group (Adg), composto da tutti i circuiti integrati dedicati per il settore automotive (sia digitali che analogici) e i prodotti separati e i transistor di potenza; Analog and Mems Group (Amg), composto da circuiti integrati analogici a bassa potenza high-end (sia personalizzati che generali) per tutti i mercati, prodotti smart power per i mercati industriali, computer e consumer, controllers touch screen, soluzioni di connettività a bassa potenza (sia con cavo che wireless) per IoT, prodotti per la conversione di potenza, soluzioni di misura per smart grid e tutti i prodotti Mems, sia sensori che attuatori; Microcontrollers and Digital ICs Group (MDG), composto da prodotti della ex ST-Ericsson Engineering Ingegneria Informatica spa (capogruppo del gruppo Engineering) è una società per azioni costituita nel 1980 nel settore del software e servizi IT, specializzata nella digital transformation, in particolare, per i settori finanza, pubblica amministrazione (centrale, locale, sanità), utilities, industria. Engineering è leader nella progettazione, sviluppo, servizi in outsourcing e consulenza IT. Ne fanno parte circa 10.500 dipendenti su oltre 50 sedi in Italia, Europa e Sud America (circa il 15% di fatturato è estero). L’organizzazione aziendale prevede 4 business unit e 5 centri competenza trasversali. Gli studenti potranno partecipare ad uno dei seguenti laboratori: Interazione con ambienti urbani tridimensionali; Intelligenza artificiale per le Smart City; Composizione di oggetti nell’Internet of Everything.

Eka srl è uno spin-off dell’Università del Salento, nata nel 2010 con l’obiettivo di fornire consulenza sulle metodologie e strumenti di Product Lifecycle Management, Business Process Management e Document & Content Management, e quindi, di supportare le aziende nella gestione, miglioramento e tracciamento dei processi di business, di sviluppo prodotto e documentali. Il laboratorio si focalizzerà su: Progettazione di una Web Application per applicazioni IOT; Database non relazionali; User Experience & Dashboarding.

Apphia srl è una società di ingegneria italiana specializzata nella ricerca e sviluppo di soluzioni innovative applicabili ai settori aerospazio, navale, automotive e della difesa. La sua attività si focalizza sulle seguenti aree: Sistemi di controllo e automazione; Innovative Manufacturing; Analisi ingegneristiche; Analisi di Business.

Gli studenti potranno conoscere gli aspetti legati all’utilizzo della sensoristica finalizzata al supporto delle decisioni, approfondendo i possibili e svariati campi di applicazione (navale, civile, energetico, agricoltura di precisione, ecc.) e le potenzialità annesse all’utilizzo di nuove tecnologie in sistemi complessi. Dopo una prima fase di introduzione alle tecnologie di riferimento (single-board computer, sensoristica di differenti tipologie, camere, temperatura, umidità, pressione) e al contesto operativo in cui si inseriscono, saranno approfonditi gli aspetti riguardanti l’acquisizione dati e gestione comandi su dispositivi.

ZeroDD è una software house fondata a Lecce nel 2006, da giovani professionisti del settore Ict, che offre soluzioni web e mobile (native e cross- platform) ad alto tasso di innovazione. Le aree di specializzazione riguardano in particolare: Smart Communities; Supportare azioni innovative di sviluppo territoriale, attraverso la progettazione e l’implementazione di soluzioni ICT e strategie di engagement per la creazione di comunità intelligenti; Data&Information Intelligence; Analizzare, elaborare ed interpretare grandi quantità di dati e informazioni, al fine di ottenere la conoscenza fondamentale per coadiuvare i processi decisionali; Process Engineering; Adottare un approccio innovativo che ponga il cambiamento dei processi al centro della progettazione dei nuovi sistemi informativi, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi. Gli studenti potranno partecipare a un laboratorio su neuromarketing e vedere i progetti su social network analysis, app per le smart city, industria 4.0.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Progetto “Giornate di promozione della cultura scientifica”, promosso dal Servizio edilizia, programmazione rete scolastica e patrimonio provinciale, diretto da Dario Corsini, e realizzato da Gianni Podo, continuerà anche nei prossimi mesi scolastici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento