"Italieni": il libro presentato a Taurisano

  • Dove
    Caffetteria Normal
    Indirizzo non disponibile
    Taurisano
  • Quando
    Dal 03/11/2017 al 03/11/2017
    18:30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Il libro di Paolo Vincenti, “Italieni” (Besa 2017), sarà presentato venerdi 3 novembre 2017 a Taurisano, presso la Caffetteria Normal, alle ore 18.30. Si tratta di una raccolta di articoli apparsi a firma del’autore su varie testate on line e qui raccolti in volume. Il libro si caratterizza come una analisi semiseria, lucida e pungente, sull’Italia di oggi e sulle sue storture. Sapide riflessioni si alternano a battute al fulmicotone, in una scrittura vivida, versatile, molto contemporanea. Ce ne è per tutti i gusti e l’autore, nelle sue bordate, non risparmia nessuno dei personaggi e degli avvenimenti che hanno occupato la scena pubblica negli ultimi anni. Un libro da leggere e meditare.

“ITALIENI”. LA SCRITTURA COME ZAPPING.

“Italieni” (Besa 2017), di Paolo Vincenti, si compone di una serie di articoli, comparsi su riviste online tra il 2015 e il 2017, che prendono spunto dalla cronaca politica o di costume, come: la Legge Cirinnà (20 maggio 2016), il referendum sulle trivelle (12 aprile 2016) il referendum sulla riforma costituzionale (4 dicembre 2016), il referendum inglese sulla Brexit (23 giugno 2016), le dimissioni di Renzi (7 dicembre 2016) e la nascita del governo Gentiloni (12 dicembre 2016), la liquidazione di Banca Etruria (22 novembre 2015), gli attentati di Bruxelles (22 marzo 2016), l'incostituzionalità dell'Italicum (25 gennaio 2017), l'amministrazione Raggi a Roma. 

Per i temi legati al costume, troviamo nel libro: la querelle sul ritiro di Totti (2016-2017), la morte di Silvana Pampanini (6 gennaio 2016), quella di Paolo Poli (25 marzo 2016), il Nobel per la Letteratura a Bob Dylan (ottobre 2016), la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto di Amatrice (settembre 2016), la Pokemon mania (2016), ecc.

Lo stile è quello già consolidato dalla precedente pubblicazione “L'osceno del villaggio”: a metà tra l'editoriale e il satiresco, tra il serio e il faceto. “Italieni” è una carrellata sui principali avvenimenti accaduti nell'ultimo anno e mezzo, filtrati spesso attraverso lo schermo di un televisore, vero e proprio oggetto feticcio per l'autore. Finestra elettrica sempre aperta sul mondo reale o immaginifico che sia, non importa, dove l'assuefazione può solo essere scongiurata attraverso il continuo cambio di canale. 

Ed è lo stesso zapping, unica forma di controllo di un mezzo così pervasivo, che sembra essere stato riversato nella scrittura di Vincenti, assurgendo a vero e proprio metodo narrativo che attraverso l'ellissi, la fratturazione degli avvenimenti, il salto senza reti di protezione da un argomento all'altro, cerca di superare l'illusione della continuità logico-temporale impacchettata dalla ideologia dominante. Svelando tutta l'alienazione e lo straniamento dell'uomo contemporaneo. 

Gli it-alieni, diventano allora l'emblema e il prodotto di una certa contemporaneità che modella sulla deprivazione culturale e sociale stili di vita e di pensare, trasformando le persone prima e i cittadini poi in mansueti consumatori a cui si può propinare qualsiasi tipo di prodotto, compreso quello politico.
Vincenti cerca di far deflagrare questo pensiero mainstream attraverso il decentramento e il depotenziamento semiotico dei fatti narrati, che diventano meri pre-testi per poter dire altro, e il frazionamento del testo tramite un cut up diverso da quello utilizzato da Burroughs o dagli autori del programma televisivo “Blob”, e inteso, più che altro, come taglio e divertito accostamento di argomenti, o registri espressivi, apparentemente distanti tra loro che un sapiente campo lungo restituisce nella stessa pagina con sapienza e ironia, quando non con un vero e proprio distaccato sarcasmo. Ciò avviene là dove l'autore si rende conto che l'illusione di una simile operazione è destinata ad infrangersi sull'impossibilità di poter andare al di là di un mondo già strutturato mediaticamente che non permette voci fuori dal coro, come la sua. 

Una nota a parte meritano le graffianti vignette che impreziosiscono il libro firmate da Paolo Piccione, talentuoso vignettista satirico e umorista originario di Manduria. 

In questa presa di coscienza, nell'improvviso blackout del tran tran televisivo, nell'attimo di silenzio che intercorre saltando da un canale all'altro, che riflesso sullo schermo nero finalmente appare in tutto il suo splendore, troviamo Paolo Vincenti, seduto in poltrona con in mano una bottiglia di birra, alle sue spalle la libreria piena di classici e accanto il suo mai domo demone della scrittura. Barlumi di autenticità che percorrono e illuminano per intero questa ultima fatica dell'autore.

Oscar Zagabria

in "S/pagine", ottobre 2017

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Argo": incontri ravvicinati

    • Gratis
    • dal 26 giugno al 30 ottobre 2020
    • online
  • Le poete della Beat a Leverano

    • Gratis
    • 19 settembre 2020
    • Biblioteca di comunità
  • "Caccia alla preistoria": l'area archeologica di Roca dedicata ai ragazzi

    • Gratis
    • 4 ottobre 2020
    • Area archeologica Roca Vecchia

I più visti

  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 giugno al 30 settembre 2020
    • Castello Aragonese
  • Pranzo e cena in agriturismo

    • Gratis
    • dal 20 febbraio al 31 ottobre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • La mostra di Pietro Guida al Castello di Copertino

    • dal 14 luglio al 19 settembre 2020
    • Castello di Copertino
  • Cena in un agriturismo salentino

    • Gratis
    • dal 19 giugno al 30 settembre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccePrima è in caricamento