social

Un tuffo nel barocco, la storica trasmissione Rai "Paesi che vai" fa tappa a Lecce

Il viaggio del conduttore Livio Leonardi partirà dal duomo, per poi muoversi verso Palazzo Adorno. Qui verrà raccontata l’avventurosa vita del barone-poeta Girolamo Cicala, tra lusso e momenti di pura ispirazione letteraria

LECCE - "Paesi che vai, usanze che trovi". Questo non è solo un detto, ma è anche la didascalia perfetta di uno dei più importati programmi televisivi italiani, attivi da anni per promuovere la conoscenza del patrimonio culturale del Bel Paese. 

Le telecamere della storica trasmissione di Raiuno "Paesi che vai", ideato, scritto e condotto da Livio Leonardi, nonché patrocinato dal ministero della cultura, arrivano a Lecce per registrare, a partire da martedì prossimo (20 giugno), una puntata che andrà in onda prossimamente.

Livio Leonardi, partendo da Piazza Duomo, condurrà il suo pubblico in un viaggio urbano attraverso monumenti e luoghi della città legati al periodo del barocco. Uno stile architettonico che ha reso la città famosa nel mondo, tanto da essere definita la “Firenze del sud”.

Con il consueto linguaggio fiabesco, che da sempre contraddistingue il programma, e quella capacità di far rivivere il passato nel racconto televisivo, Livio Leonardi - insignito proprio per questi motivi di importanti riconoscimenti, quali la medaglia d’oro della società Dante Alighieri per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo - attirerà gli spettatori sulle tracce del barocco leccese, e nei periodi in cui la città raggiunse un grande potere ecclesiastico.

Livio Leonardi

Le riprese si snoderanno attraverso punti celeberrimi e realtà più nascoste. Sarà centrale il duomo, centro religioso della città e insieme icona del potere del vescovo Luigi Pappacoda. Da lì la troupe si muoverà verso Palazzo Adorno, dove il conduttore racconterà l’avventurosa vita del barone-poeta Girolamo Cicala, tra lusso e momenti di pura ispirazione letteraria.

Le telecamere si sposteranno poi verso il gioiello più prezioso dell’arte barocca: la chiesa di San Matteo per proseguire all’interno del Palazzo dei Celestini e della Basilica di Santa Croce. Non mancheranno i riferimenti alle saghe familiari dei palazzi nobiliari come il Cezzi Tamborino, teatro di un atroce delitto. La puntata racconterà poi la città vista attraverso gli occhi di un grande regista, Ferzan Özpetek,  che a Lecce ha voluto ambientare due dei suoi film più celebri.

Ma non è finita qui, sempre al fianco a Livio Leonardi seguità un’immersione nella bellezza della costiera salentina e dell'area marina protetta di Porto Cesareo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un tuffo nel barocco, la storica trasmissione Rai "Paesi che vai" fa tappa a Lecce
LeccePrima è in caricamento