Giovedì, 5 Agosto 2021
Capitale europea della cultura 2019

Partnership e investimenti, delegazione turca in visita a Palazzo Carafa

Una delegazione turca della provincia di Amasya ha incontrato il sindaco Paolo Perrone. In vista ci sono partnership e investimenti commerciali. L’iniziativa fa parte di un progetto orientato scambiare esperienze su processi di sviluppo realizzati secondo standard comunitari a livello locale

LECCE - Una delegazione turca della provincia di Amasya ha incontrato questa mattina a Lecce il sindaco Paolo Perrone. In vista ci sono partnership e investimenti commerciali.

“La Turchia è una terra della quale sono innamorato”. Con queste parole il sindaco ha accolto oggi a Palazzo Carafa la delegazione coinvolta nel programma “Town Twinning”.

“E’ una terra straordinaria - ha aggiunto il primo cittadino leccese - in cui le contaminazioni culturali sono molto fertili grazie alla sua naturale apertura verso chi è straniero. Qui a Lecce stiamo provando a costruire modelli di crescita basati sulla capacità di mettere in relazione le peculiarità del nostro territorio con quelle altrui”.

“Sono due gli obiettivi prioritari: attrarre sempre più turisti e favorire gli scambi commerciali dei nostri imprenditori. E’ questa in buona sostanza la sfida che lanciamo con Lecce2019: la capacità di poter rappresentare la cultura europea. Mi auguro perciò che possiate amare questa terra così come io ho amato la vostra”.

“Stiamo rafforzando i rapporti tra gli imprenditori italiani e quelli turchi - ha assicurato il console turco in Italia Pinar Bolognini -. Certo, è necessario migliorare la rete di trasporti per consolidare proficui scambi commerciali”.

“Faremo di tutto – ha promesso vice Governatore della provincia di Amasya, Suat Seyito?lu - per incoraggiare i nostri imprenditori ad effettuare investimenti in Puglia e nel Salento”.

La visita di studio - che rientra nel percorso di costruzione della candidatura della città di Lecce a Capitale europea della cultura 2019 - è stata organizzata dal Servizio Mediterraneo della Regione Puglia. Tra gli obiettivi principali, migliorare la capacità dei governatorati turchi di operare secondo standard europei.

Fitto il calendario di appuntamenti, che spaziano nei vari settori di interesse, selezionati in vista di una futura cooperazione Puglia-Turchia: energia, agricoltura sostenibile, settore lapideo, inquinamento acque e sistemi di irrigazione sostenibile, difesa della biodiversità, innovazione, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale.

La delegazione turca, proveniente dalla provincia di Amasya, era guidata dal vice governatore Suat Seyito?lu. Ne fanno parte ?smail Kazan, vice sindaco, Erdin Güden, coordinatore della  Middle Black Sea Development Agency, Murat ?im?ek, esperto della Middle Black Sea Development Agency e Saide Fatma Okudan, esperto dell’Amasya Governorate.

L’iniziativa fa parte del Project (VabPro) – EU/Turkey Town Twinning Programme, orientato a costruire partnership tra autorità locali europee (città, province, regioni) e governatorati turchi, per scambiare esperienze su processi di sviluppo realizzati secondo standard comunitari a livello locale.

Dalla Regione Puglia, a questo proposito, è venuta la promessa di un contributo in termini di trasmissione di buone pratiche e di know-how, nell’ambito della pianificazione strategica dello sviluppo locale e della gestione di programmi e progetti finanziati dall’Unione europea.

Il primo incontro ufficiale si è svolto a Bari, martedì 24 giugno quando la delegazione ha incontrato l’assessore regionale al Mediterraneo, cultura e turismo Silvia Godelli.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partnership e investimenti, delegazione turca in visita a Palazzo Carafa

LeccePrima è in caricamento