“Give me bike”, dal Salento ai Paesi in Via di Sviluppo

La Provincia di Lecce promuove il progetto dell'associazione Bicinema, per donare le due ruote in disuso e farle tornare a pedalare all'insegna della solidarietà. Tinta ecologica ad acqua color panna per riverniciare le biciclette

di COSV

Avere la possibilità di non assentarsi da scuola perché puoi raggiungerla con una bici che qualcuno, dopo averla rimessa a nuovo, ti ha regalato. Oppure riuscire a trasportare l’acqua da un pozzo, altrimenti troppo lontano, fino a casa propria. Sono questi alcuni dei benefici che nei Paesi in Via di Sviluppo si possono ottenere se prendiamo una bicicletta che dovremmo gettare perché non la utilizziamo più da anni, e, senza pensarci due volte, la portiamo all’organizzazione leccese Bicinema. Attraverso il progetto "Give me bike-la bicicletta dei popoli", vincitore del bando regionale sulla mobilità sostenibile "Pugli(a)pedali", si recuperano e riciclano biciclette usate.

Bicinema è un’Organizzazione impegnata dal 2011 a sostenere la cultura attraverso l’uso della bicicletta nei Cinema e Teatri. Nel 2012 ha risposto all’appello internazionale del “TIMES” Salva i ciclisti con il progetto CicloStop ripara e via. Bicinema si ispira al moviemnto della pellicola e della bicicletta. Una ruota gira come una pellicola sulla strada delle storie da raccontare. La Direzione Bicinema è sensibile ai temi sociali, ambientali e a quel che riguarda l’arte, la scienza, l’educazione delle nuove generazioni, il rapporto tra economia ed etica, formazione e lavoro; integrazione dei diritti e dei talenti.
Nel 2013 è nato Give me Bike, al fine di recuperare su tutto il territorio nazionale le bici in disuso, per aiutare gli adolescenti dei Paesi in via di Sviluppo a raggiungere la scuola in bicicletta e per incentivare l’autonomia e l’integrazione sociale dei giovani appartenenti a fasce svantaggiate.
L'iniziativa, che si fonda sul principio del riuso e recupero dei materiali di scarto, è condivisa anche dall'assessorato alla Mobilità della Provincia di Lecce, guidato da Bruno Ciccarese, che invita nuovamente tutti i salentini a donare le due ruote che non si usano più. "Per farlo basta solo contattare Bicinema al numero 329 – 4123481. Sarà l'organizzazione stessa a ritirare la bicicletta dove indicato dal donatore", ricorda l'assessore Ciccarese.

Grazie a questa iniziativa, partita a settembre 2013, nel Salento sono state già donate 14 bici, tra cui una bicicletta a tre ruote per disabili, e ne sono state ricondizionate 8, curate attraverso canoni di riferimento che inglobano l'immagine in un unico stile di bicicletta.

Gli interventi per rimettere a nuovo le due ruote vengono effettuati nella ciclofficina di Bicinema nei pressi di Porta Napoli a Lecce e nella ciclofficina popolare di Lecce presso le Manifatture Knos. Le biciclette usate vengono sverniciate e nuovamente colorate con tinta ecologica ad acqua color panna. Nell'ultima fase si applica sul telaio l'adesivo identificativo del progetto "Give me bike - la bicicletta dei popoli", con il numero progressivo appartenente ad ogni bici, e i loghi istituzionali.

Due di queste biciclette, una per adulto e una per bimbo hanno raggiunto la Factory di Dakar in Senegal, un centro dedicato alla musica, in cui si svolgono attività di riabilitazione per bambini che vivono situazioni di difficoltà sociale ed economica

"Give me bike" è legato a doppio filo anche con un altro progetto sposato dalla Provincia di Lecce, tramite l'assessore provinciale Bruno Ciccarese. Si tratta di "Ciclostop", la rete di ben 440 fermate realizzate in tutto il territorio salentino, in cui è possibile riparare la bici in panne con il kit – officina gratuito.

Tra le fermate ci sono, a Lecce, anche le sedi istituzionali della Provincia: Palazzo dei Celestini, la sede di Via Botti, il Museo Castromediano. Ogni fermata comunica l'invito a donare una bicicletta in disuso. Lo stesso messaggio d'invito alla donazione è diffuso tramite le bici installate presso il CineTeatro Db d'essai di Lecce, la sede dell'Associazione Bicinema e l'Open Space-Comune di Lecce. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento