Venerdì, 30 Luglio 2021
Moi te nde ticu quattru

Deiezioni ovunque, e spunta il cartello: "Attenti alla mucca..."

La foto è stata inviata da una lettrice. Un modo davvero ironico per stigmatizzare un problema diffuso: quello di padroni di incolpevoli cani, condotti a fare i bisogni un po' dove capiti. Con il tipico, italico menefreghismo

Per la serie, “Moi te nde ticu quattru”, il vero… “moi te nde ticu quattru” ("ora te ne dico quattro", a fruizione dei non salentini).

Avremmo voluto usare quest’immagine, inviataci da un’assidua lettrice di Ugento, per la rubrica “La foto del giorno”, ma, alla fine, abbiamo optato per quella delle lamentele e delle segnalazioni fornite dai lettori, perché ci sembra un modo particolarmente ironico di stigmatizzare un comportamento, purtroppo, molto diffuso: quello di colpevoli padroni che spingono incolpevoli bestiole a fare le proprie deiezioni un po’ dove capiti, con italico menefreghismo di pubblici marciapiedi e portoni d’ingresso altrui.

E chissà che un simile, minaccioso cartello, non sortisca l’effetto voluto. Non sappiamo se l’autore sia davvero in possesso di una mucca, ma ci sentiamo di consigliare vivamente al proprietario del cane di evitare di sperimentarlo…  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Deiezioni ovunque, e spunta il cartello: "Attenti alla mucca..."

LeccePrima è in caricamento