Moi te nde ticu quattru

Lo scempio del taglio degli alberi nel parco protetto

Nonostante l'impegno profuso da parte delle forze dell'ordine impegnate nella tutela del territorio, scempi ai danni dell'ambiente continuano. Eppure, in alcune aree, i controlli sembrano non esserci

foto Antonio Tricarico

Nonostante l'impegno profuso da parte delle forze dell'ordine impegnate costantemente a tutela del territorio, scempi ai danni dell'ambiente continuano a perpetrarsi senza ritegno. Eppure, in alcune aree specifiche del Salento, la vigilanza, forse, non è mai troppa, perché in giro vi è gente senza scrupoli che scambia campagne e boschi per ricchezze da deturpare e derubare.


Ecco cosa ci fa notare un nostro lettore, il taglio di alberi nel Parco naturale regionale Punta Pizzo, isola di Sant'Andrea, a Gallipoli. Uno scempio che si continua a consumare sotto gli occhi di tutti. La mancanza di controlli nell'area Parco fa si che persone senza scrupoli continuino a tagliare alberi a grave danno dell'ambiente. Quanto documentato dalle immagini fotografiche è accaduto in area parco "Zpl-Punta Pizzo", a Gallipoli, precisamente nei pressi del Canale "Samari-Li Foggi", a circa due metri dalla sede stradale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scempio del taglio degli alberi nel parco protetto

LeccePrima è in caricamento