Lunedì, 27 Settembre 2021
Moi te nde ticu quattru

"Piano traffico, ci vogliono decisioni coraggiose"

"I parcheggi d'interscambio dovrebbero essere creati nei pressi delle stazioni dei comuni. Ma questo vorrebbe dire lavorare per risolvere il problema traffico..."


di Gabriele "il poeta" Mariano *

Le priorità per rendere la città vivibile?

1. Evitare l'ingresso in città di tutti i pulman di trasporto extraurbano e delle auto dei pendolari che giungono in città quotidianamente per lavoro o per gli acquisti;

2. ripensare il piano traffico rendendo i viali interni ed esterni a senso unico, cosa che di fatto renderebbe inutili le rotatorie che tanti ingorghi stanno creando nel traffico cittadino;

3. ridisegnare il piano del trasporto pubblico urbano permettendo a tutti i cittadini di poter utilizzare il mezzo pubblico e non come ora dove intere zone, come quella di Torre Mozza dove abita anche il nostro sindaco, non sono servite dal servizio pubblico;

4.creare una filovia che colleghi Lecce alla marina di San Cataldo magari utilizzando come percorso la pista ciclabile ad oggi in disuso;

5. creare un collegamento con Giorgilorio (Ipercoop, Medusa) e con la zona industriale di Lecce.

Queste nostre proposte sono state sbeffeggiate come "poesie" da qualche amministratore. Noi poveri ignoranti cittadini le avevamo ritenute un valido contributo, totalmente gratuito, ad una discussione da cui partire per un progetto organico che possa rendere più vivibile la "nostra" Lecce.
Ma purtroppo sembra impossibile progettare a medio e lungo periodo, oggi si tenta di fermare 150 bus extraurbani alle porte della città senza aver prima provveduto ad ottimizzare il trasporto urbano, e chiedendo ai pendolari, in alcuni casi dopo ore di viaggio e con zaini pesanti sulle spalle, di raggiungere le scuole o i posti di lavoro con soli 10 o 15 minuti di strada a piedi magari con una bella pioggia e con uno sferzante freddo.

Il problema traffico si deve affrontare con decisioni coraggiose, come il collegamento dei comuni dell'hinterland con una metropolitana leggera su rotaia per fermare non solo i bus extraurbani, ma anche decine di migliaia di auto, che oggi entrano in città. E i parcheggi d'interscambio dovrebbero essere creati nei pressi delle stazioni dei comuni. Ma questo vorrebbe dire lavorare per risolvere il problema traffico. I nostri amministratori preferiscono continuare a tenere le centraline di monitoraggio dell'aria spente. In questo modo l'inquinamento non c'è.

* Coordinatore del Comitato indipendente dei numero 0 "signor nessuno"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Piano traffico, ci vogliono decisioni coraggiose"

LeccePrima è in caricamento