Lunedì, 27 Settembre 2021
Moi te nde ticu quattru

"Rifiuti, i cittadini leccesi rispettino le regole"

Pasquale Aralla, presidente della I circoscrizione Centro-Mazzini, chiede ai commercianti di rieducare molti avventori dei loro locali. "C'è un'emergenza, ma ci vuole anche più senso civico"


di Pasquale Aralla *

Il Consiglio circoscrizionale del quartiere Centro-Mazzini sta continuando a monitorare con attenzione il problema dei rifiuti perché è essenziale che i residenti non paghino, in termini di scarsa qualità della vita, disattenzioni e mancato rispetto delle regole di civile convivenza.

Abbiamo notato che il Consorzio delle ditte che si occupano della raccolta rifiuti nel capoluogo salentino ha risposto alle nostre sollecitazioni, anche immediate, recuperando i rifiuti posti fuori dai cassonetti, anche in orari non deputati al conferimento, ed effettuando il lavaggio dei cassonetti medesimi più volte a settimana. Ma questo non basta.

Occorre sottolineare che nel Quartiere Centro-Mazzini, come si può facilmente intendere, la questione dei rifiuti non è legata soltanto ai consumi dei residenti, ma anche, in particolare nella stagione estiva, al grande afflusso di turisti che la città di Lecce sta vivendo e, a volte, subendo in termini di pulizia e igiene.

Non dimentichiamoci, però, che, in via principale, il problema-rifiuti è strettamente legato allo scarso senso civico di chi, senza cura alcuna, sporca la città. Proprio per questo è opportuno chiedere l'aiuto ed il sostegno ai gestori degli esercizi commerciali affinché, in attesa del codice deontologico nel quale ritrovare le regole essenziali della civile convivenza, attuino un' opera di rieducazione verso gli avventori dei loro locali. I gestori sono chiamati, per prima cosa, a dare il buon esempio, conferendo i rifiuti all'interno dei cassonetti nei modi e nei tempi previsti espressamente dalle ordinanze comunali.

Per questo motivo, ritengo che sarebbe il caso che proprio quelle ordinanze, spesso sconosciute o dimenticate dagli esercenti, fossero loro riportate dai Vigili Urbani e da chi di competenza, per concretizzare quel senso di collaborazione civica finalizzato a tutelare la qualità della vita dei cittadini residenti. Solo e soltanto dopo questo patto civico, stipulato nel rispetto della qualità della vita di tutti i cittadini ed in particolar modo dei residenti, si potrebbe dar vita ad un'azione repressiva nei confronti di chi, con disinteresse, continua a non preoccuparsi del rispetto delle regole alle quali con tanta fatica quotidiana si dà vita.

* Presidente della I Circoscrizione Centro-Mazzini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rifiuti, i cittadini leccesi rispettino le regole"

LeccePrima è in caricamento