Venerdì, 30 Luglio 2021
Moi te nde ticu quattru

Sanità precaria. "E invertono pure la graduatoria"

Lettera aperta del comitato dei fisioterapisti precari: "Beati gli ultimi che saranno i primi: è la "sorpresa" dei politici pugliesi. Qualcuno ha invertito la graduatoria..."

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta del Comitato Fisioterapisti Precari della Regione Puglia

Beati gli ultimi che saranno i primi: è la "sorpresa" dei politici pugliesi ai lavoratori precari della sanità della Regione che, per "tamponare" il problema decidono di prorogare i contratti (in particolare i fisioterapisti), in coda ad una graduatoria che potranno lavorare, a scapito dei colleghi, pur primi nella stessa graduatoria ma licenziati per un collaudato turn-over tra "poveri precari". Qualcuno ha deciso di invertire la graduatoria stessa e cominciare dalla coda, appunto.

Prima (gennaio 2007) una proroga dei contratti fino a giugno a danno delle prime 20 in graduatoria, poi la proroga della proroga fino a dicembre 2007. Non si può fare una legge sul precariato a danno di altri precari, tanto più se questi possono vantare di essere stati precari per più tempo alle dipendenze della sanità pugliese.

Ma dov'è finito lo stato di diritto? Nel nome della lotta al "precariato", in attesa di una legge che regolamenti le stabilizzazioni nella sanità pugliese, si rischia di creare nuove ingiustizie sociali e "guerre tra poveri". Con l'alibi della lotta al precariato i "furbetti del quartierino" rischiano di trionfare ancora una volta volgendo gli eventi a proprio favore.


Questo è possibile solo quando manca la trasparenza ed il confronto nonché l'assunzione di responsabilità sociale da parte dei politici e dei sindacati. È loro dovere rivedere le ultime decisioni in fatto di proroga dei contratti a termine dei lavoratori precari perché i beneficiari di tale proroga, purtroppo, sono solo i più fortunati ma non gli unici precari, né quelli più meritevoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità precaria. "E invertono pure la graduatoria"

LeccePrima è in caricamento