Lunedì, 20 Settembre 2021
Moi te nde ticu quattru Ugento

"Vacanze tra i rifiuti. E il mio amico se n'è andato"

La mail di un nostro lettore, corredata foto. L'altra faccia del Salento è quello dell'immondizia sparsa ovunque. Un problema sentito dappertutto. E così, c'è anche chi ha deciso di fuggire via

CANON_013
Pubblichiamo la mail di un nostro lettore, corredata da eloquenti fotografie. L'altra faccia del Salento è quello dell'immondizia sparsa ovunque. Un problema sentito dappertutto. E così, c'è anche chi decide di lasciare tutto e andare a fare vacanze altrove.

"Carissimi lettori di Lecceprima, ho invitato un amico e collega emiliano a trascorrere le vacanze nella bellissima Puglia, e lui con famiglia e bambini ha accettato l'invito a trascorrere il mese di agosto presso una casa in affitto a Lido Marini (marina per metà di Ugento e per metà di Salve)".

"Gli avevo sempre parlato del mare e delle spiagge stupende che abbiamo. Dopo tre giorni di permanenza, ha deciso di andare via, per la Calabria... quando gli ho chiesto spiegazioni mi ha fatto vedere sulla fotocamera le foto scattate il giorno prima... semplicemente facendo il percorso che collegava la casa "a 300 metri dal mare" dalla spiaggia. Non ho provato a convincerlo perché quelle foto dimostrano l'inciviltà in cui viviamo e quanto siamo lontani dal concetto di economia sviluppata dal turismo".

"Ho viaggiato tanto, per lavoro, in Italia ed all'estero, la logica che ho trovato e che ognuno valorizza ciò che ha per il meglio... mentre qui da noi? facciamo di tutto per non far tornare i turisti. Il mio amico ha preferito proseguire le vacanze altrove... mi ha detto... 'Giuseppe, tu ci resti perché hai la casa di proprietà, io ho pagato per mare e spiagge pulite, non per passeggiare tra i rifiuti'. Non ho risposto, l'eco del mio silenzio è quello che dovremmo sentire tutti ed iniziare a farci l'esame di coscienza".

Giuseppe Greco, Acquarica del Capo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vacanze tra i rifiuti. E il mio amico se n'è andato"

LeccePrima è in caricamento