rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Salute e prevenzione

Tecniche chirurgiche “dolci”: subito in piedi con le incredibili innovazioni della chirurgia mininvasiva

Tornare alla normalità in pochissimo tempo dopo un intervento chirurgico è oggi possibile grazie alla chirurgia mininvasiva: ecco in che cosa consiste, i vantaggi e i centri a cui rivolgersi

Sottoporsi ad un intervento chirurgico, di qualunque tipo esso sia, non è mai facile. Oltre alla preoccupazione per la sua riuscita, infatti, si aggiungono preoccupazioni riguardo al dolore, alla convalescenza, a possibili complicanze e infezioni. 

Tuttavia, la tecnologia riesce ad aiutarci anche in questo: grazie alle innovative tecniche della chirurgia mininvasiva, infatti, oggi è possibile sottoporsi a tantissimi tipi di interventi chirurgici in modo più semplice e meno traumatico rispetto alla chirurgia tradizionale. 

Vediamo quindi insieme in che cosa consiste la chirurgia mininvasiva, i suoi vantaggi e i centri a cui rivolgersi. 

Che cos’è la chirurgia mininvasiva

La chirurgia mininvasiva è quell’insieme di tecniche che consentono di eseguire una procedura chirurgica attraverso incisioni di pochi centimetri, riducendo al minimo il trauma dell’operazione. Le incisioni hanno quindi dimensioni notevolmente ridotte rispetto a quelle praticate nella chirurgia tradizionale: la tecnica mini invasiva permette infatti di raggiungere l’area su cui intervenire attraverso piccoli fori di circa 1-2 cm di diametro, attraverso i quali passano gli strumenti chirurgici (come telecamere, luci e bisturi).

L’intervento è reso possibile grazie all’impiego di una telecamera che permette la visione della cavità esplorata e di strumenti chirurgici dedicati, ed è possibile applicare questo tipo di chirurgia in tutte quelle specialità mediche che prevedono l’esecuzione di interventi, come la chirurgia addominale, l’urologia, la ginecologia, l’ortopedia, ecc.

I vantaggi della chirurgia mininvasiva

Rispetto agli interventi tradizionali, la chirurgua mininvasiva riduce al minimo il trauma dell’operazione, soprattutto grazie alle dimensioni ridotte delle incisioni. Di conseguenza, i principali vantaggi che derivano dal ricorrere alla chirurgia mininvasiva sono:

  • rapida ripresa del paziente nel decorso postoperatorio
  • riduzione dei tempi di ricovero e riabilitazione
  • minore rischio di infezione
  • riduzione del dolore e delle complicanze tradizionali
  • riduzione degli inestetismi legati alle cicatrici chirurgiche.

Dati i numerosi vantaggi delle tecniche mini invasive, ad oggi queste vengono sempre più utilizzate per il trattamento di patologie complesse, come quelle oncologiche, che richiedono interventi più complicati, con estrema sicurezza e con ottimi risultati.

Gli impieghi della chirurgia mininvasiva

La chirurgia mininvasiva è applicabile, a seconda delle patologie, a tutte quelle specialità mediche che prevedono l’esecuzione di interventi, come la cardiochirurgia, l’urologia, la ginecologia e l’ortopedia. Tra le patologie che attualmente vedono un maggior impiego della procedura mininvasiva troviamo:

  • Calcoli della colecisti, appendicite
  • Tumore al colon-retto, allo stomaco, al fegato
  • Patologie che prevedono l’asportazione della milza
  • Morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa
  • Eccessivo sovrappeso
  • Disturbi addominali: aderenze, reflusso gastroesofageo, ernia (inguinale, ombelicale, iatale, ecc.), laparocele (ernia che si forma su una cicatrice dopo un intervento di chirurgia addominale)
  • Patologie ginecologiche, come prolassi rettali o vaginali

Endoscopia digestiva: che cos'è e a cosa serve

I migliori centri specializzati in chirurgia mininvasiva 

Disponibili nei maggiori ospedali, le principali tecniche di chirurgia mininvasiva, come la video-laparoscopia ed il laser, rappresentano ormai per la Clinica Petrucciani la prima scelta da offrire ai propri pazienti per un ampio ventaglio di patologie chirurgiche negli ambiti di Chirurgia Generale, Chirurgia Oncologica dell’apparato digerente, Ginecologia e Urologia.

Qualità dei Professionisti e delle procedure, innovazione tecnologica, massima attenzione alla sicurezza e alla salute del paziente attraverso l'utilizzo di metodiche chirurgiche sempre più “dolci” e meno invasive sono tutte caratteristiche che rendono la Clinica Petrucciani un’eccellenza nell’assistenza sanitaria.

La video-laparoscopia è diventata la tecnica di prima scelta per le diagnosi e per la terapia chirurgica di numerose e importanti patologie. Anche grazie al nuovissimo Sistema di Videolaparoscopia Olympus, presso la Clinica Petrucciani è possibile utilizzare un approccio mini invasivo per il trattamento di tumori addominali e pelvici, patologie della colecisti e vie biliari, patologie non neoplastiche dell’apparato ginecologico e tante altre patologie di competenza del chirurgo generale e dell’urologo.

Anche nel campo della Urologia, grazie al Sistema laser Soltive Olympus di ultimissima generazione, è possibile trattare tantissime patologie tramite le tecniche di chirurgia mininvasiva, come la frammentazione endoscopica dei calcoli uretrali, ureterali, renali e vescicali e il trattamento della ipertrofia prostatica benigna, della patologia neoplastica della prostata, delle stenosi uretrali e dei tumori della vescica, dell’uretra e dell’uretere.
L’affidabilità e l’estrema precisione della tecnologia Soltive permettono di affrontare in piena sicurezza la quasi totalità delle patologie a carico delle vie urinarie, con estremo rispetto per il paziente.

La Casa di Cura “Prof. Petrucciani” è in grado di offrire un ampio ventaglio di soluzioni tecnologicamente avanzate per la chirurgia mininvasiva di molte patologie, a vantaggio della qualità e della sicurezza dell’intervento operatorio e del recupero della quotidianità della vita del paziente nel post-operatorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tecniche chirurgiche “dolci”: subito in piedi con le incredibili innovazioni della chirurgia mininvasiva

LeccePrima è in caricamento