rotate-mobile
Magazine
Summer

I piatti tipici di Puglia, Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna a cui non rinunciare questa estate

Il Sud dell’Italia e le grandi Isole offrono paesaggi meravigliosi, arte e tanta cultura culinaria. Vediamo cosa mangiare in Puglia, Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna

Ci sono alcune prelibatezze che, a seconda del territorio che andrete a scoprire, vanno assolutamente assaggiate. Scoprire posti nuovi, o ritrovarli, vuol dire anche immergersi completamente nella cultura del luogo, anche quella gastronomica. E la nostra Italia in questo offre un patrimonio di sapori ineguagliabile.

In questo articolo ci addentreremo nelle cucine delle regioni del Sud e delle grandi Isole per scoprire quali sono i piatti tipici, quelli da provare a tutti i costi, a cui non rinunciare e con cui deliziarci.

Piatti tipici della Puglia

Quanto è bella la Puglia, tacco dello Stivale, che dalla cima alla punta sa sempre come stupire con i suoi territori affascinanti, i suoi piatti buonissimi e i prodotti tipici da portarsi a casa come ricordo.

Tra quest’ultimi ci sono indubbiamente i taralli, le friselle e le pucce. Per una pausa veloce e riempire la pancia al volo, la focaccia barese è un must.

Se invece avete tempo e voglia di mettervi a tavola, concedetevi un buon piatto di riso patate e cozze o anche delle ottime orecchiette con cime di rapa.

Un piatto povero (e vegano) di tradizione contadina che vi stupirà è fave e cicoria, da arricchire anche con un pizzico di peperoncino, mentre sul fronte dolci vi suggeriamo le cartellate. Sono fritti e insaporiti con miele e vino cotto.

Campania, terra di sapori unici

Spostiamoci in Campania, che non ha bisogno di grandi presentazioni, solo di tempo per visitarla da cima a fondo e assaporare tutti i suoi prodotti tipici.

Non possiamo non parlare della pizza napoletana, che va provata nei vicoli sperduti della città di Totò.

La caprese è l’antipasto per eccellenza, fatta con mozzarella di bufala e pomodoro fresco, così come la bruschetta, che accompagna ogni inizio pasto.

Dagli spaghetti con colatura di alici di Cetara alla frittata di spaghetti fino al ragù napoletano, la selezione dei primi è davvero ricca. Ma ci sono tante altre prelibatezze da assaporare, come salsiccia e friarielli e il mitico casatiello napoletano, tipico del periodo pasquale.

A questa festività è legata anche la pastiera, ma è impossibile non pensare ai dolci e dimenticare le zeppole di San Giuseppe e la sontuosa sfogliatella (riccia e frolla).

Le specialità della Calabria

Se pensiamo alla Calabria la nduja è probabilmente il primo prodotto tipico che viene in mente. È un insaccato piccante fatto con carne di maiale e dalla consistenza morbida. È ottima da spalmare sui crostini per dare inizio a una cena estiva “di fuoco”!

Il morzello è invece un panico con sugo rigorosamente piccante, frattaglie e trippa, uno street food da concedersi. In alternativa ci si può sedere a tavola e lasciarsi deliziare da un buon ragù calabrese, fatto con pane ammorbidito nel latte, alloro, vino bianco, sugo e diverse carni.

Sempre a proposito di maiale, troviamo le frittole, che si ottengono con le parti meno nobili dell’animale.

Molto interessante è la cuccìa, una zuppa di grano bollito con legumi o carne di capra, maiale, castagne o cereali. Se siete fan dei peperoni, per voi ci sono i pipi chini, peperoni calabresi ripieni di carne, formaggi, insaccati, uova e pangrattato!

Piatti tipici della Sicilia

Siete giunti in Sicilia? Vi lascerete incantare dalla storia multiculturale di questa splendida terra? Allora non dimenticate nemmeno di assaporare i prodotti tipici di questa meravigliosa isola del Sud.

Arancino o arancina, purché proviate questo prodotto tipico della rosticceria siciliana, mentre sul fronte dolci ci sono i tipici cannoli siciliani, la cassata e la pasta reale.

Da provare la pasta alla Norma, con melanzane fritte, ricotta salata, pomodoro e basilico, quella con le sarde e la caponata, con circa una decina di prodotti, tra cui le immancabili melanzane, tipiche del periodo estivo.

Cosa mangiare in Sardegna

Succulenti e particolari i piatti tipici della Sardegna, perfetti per rifocillarsi dopo lunghe giornate nel mare cristallino di questa splendida isola italiana.

Tra le ricette più famose ci sono i culurgionis, un primo piatto a base di ravioli ripieni di patate e pecorino, tipici della zona dell’Ogliastra. Imperdibile la fregola, un tipo di pasta tipico di questa terra, da mangiare sia come una minestra che asciutto.

Ottime anche le seadas, scrigni di pasta fritti con formaggio di pecora e un velo di miele.

Un’altra pietanza sarda molto famosa e apprezzata è il maialino sardo arrosto, chiamato localmente procceddu o porcetto.

I dolci tipici sardi – pardulas, papassini, aranzada – devono essere accompagnati dal tipico liquore di mirto, essenza unica di questa magica isola.

Articolo originale su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LeccePrima è in caricamento