Lapadula si aspetta un Toro d'assalto: "Impatto fisico è l'arma principale"

L'attaccante del Lecce offre una chiave di lettura del posticipo che lunedì sera, nello Stadio Olimpico Grande Torino metterà di fronte i salentini ai granata, a punteggio pieno dopo due giornate

Lapadula festeggia un gol alla Salernitana, in Coppa (foto Chilla).

LECCE - Resistere alla fisicità del Toro nella parte iniziale della partita e poi provare a giocarsi la partita nella maniera che mister Liverani giudicherà più adeguata alla sfida. Gianluca Lapadula sembra dettare la traccia del posticipo che lunedì sera chiuderà la terza giornata del campionato di serie A che vede il Lecce fermo a zero punti e i granata a punteggio pieno: "Il Torino fa dell'impatto fisico la sua forza, tenendogli testa possiamo trovare i nostri spazi", ha dichiarato l'attaccante nella conferenza stampa mattutina presso l'Acaya Golf Club, dove i giallorossi hanno ripreso ad allenarsi dopo un giorno di riposo.

La sconfitta interna con l'Hellas Verona ha lasciato delle scorie nello spogliatoio dei salentini, ma la pausa per gli impegni della Nazionale ha permesso a Lucioni e compagni di metabolizzare un avvio di stagione molto complicato: "Per noi è stato un grande dispiacere, ma adesso la leggo più come una lezione: se non scendi in campo affamato fai fatica con tutti", . "Non può essere una questione fisica se dopo dieci minuti dall'inizio non tocchi un pallone", ha aggiunto Lapadula facendo idealmente calare il sipario su una partita da archiviare definitivamente.

A Torino ci vive la sua famiglia: lui che dai 5 ai 13 anni ha giocato nel settore giovanile della Juve, viene comunque da un contesto piuttosto granata, la zona San Salvario-Lingotto. Fino a tempi recenti, il quartier generale dei Lapadula è stato a 200 metri dallo stadio Filadelfia, ma non c'è una fede granata ad ammantare la prossima sfida di qualche carico sentimentale. L'obiettivo è solo quello di rialzare la testa, prima ancora che di trovare il gol: "Per un attaccante è certamente importante segnare, ma nel mio approccio il gol è sempre conseguenza della prestazione".

Nella prossima trasferta Liverani avrà qualche soluzione offensiva in più: Farias, scontata la giornata di squalifica, dovrebbe aver fatto qualche avanzamento concreto dal punto di vista della condizione atletica, così come Babacar che però partiva da uno stato di forma, come detto dall'allenatore dopo l'amichevole con il Cosenza, pari al 20 percento. Troppo presto, ancora, per fare delle gerarchie e a Lapadula potrebbe nuovamente toccare il ruolo di centravanti, nella consapevolezza però di poter contribuire anche in un'altra posizione: "In un attacco a due mi sono sempre trovato bene, l'esterno non l'ho praticamente mai fatto, ma sono e completa disposizione del mister".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Sferra coltellata all'addome del barista: operato all'intestino, arrestato 47enne

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

  • Ruba offerte e collanina, poi urina sull’altare: denunciato dopo un controllo nel “compro oro”

Torna su
LeccePrima è in caricamento