Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

A Castrignano dei Greci, “Vivicittà” la corsa più grande del mondo

Un grande fatto sportivo, che ha occupato un luogo che non è spazio di sport, facendo forza sulla bel-lezza della pratica agonistica per parlare anche di diritti, di ambiente e di solidarietà. Per fare riflettere oltre che sudare

CASTRIGANO DEI GRECI – Una delle 41 città italiane e 20 nel mondo dove si è svolta la ventinovesima edizione di “Vivicittà”: Castrignano dei Greci ha ospitato la corsa più grande del mondo organizzata dall’Uisp, in nome dei diritti, della pace e dell’ambiente.  Come aveva preannunciato, nella conferenza stampa di presentazione, il presidente provinciale Uisp di Lecce Gianfranco Galluccio, anche in questa iniziativa sono stati messi in mostra attività ed idee.

Vivicittà è stato questo, un grande fatto sportivo, ha occupato un luogo che non è spazio di sport, facendo forza sulla bellezza sportiva per parlare anche di diritti, di ambiente e di solidarietà. Per fare riflettere oltre che sudare. Vivicittà 2012 è stata solidarietà, amicizia tra i popoli e cooperazione internazionale: un euro per ogni partecipante è destinato al progetto Sport & Dignity, attività per bambini e bambine all’interno dei campi profughi palestinesi in Libano.

A Castrignano dei Greci per un giorno si è corso in contemporanea con Budapest (Ungheria), Fouchères (Francia), Foundiougne (Senegal), Ginevra (Svizzera), Gomel (Bielorussia), Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo), Makeni (Sierra Leone), Nova Gorica/Gorizia (Slovenia), Pola (Croazia), Saint Etienne du Rouvray (Francia), Saint Ouen (Francia), Sarajevo (Bosnia-Erzegovina),Tuzla (Bosnia-Erzegovina), Vieux Condé (Francia), Yokohama (Giappone), Zavidovici (Bosnia-Erzegovina).

Migliaia di corridori  hanno corso ponendo sport e rispetto dell’ ambiente insieme: è stato creato un logo che unirà la “Corsa più grande del mondo” alle altre grandi manifestazioni nazionali Uisp, "Riusare, riciclare, produrre meno rifiuti". Il grande tema del riciclo collegato all’uso razionale delle risorse in funzione della produzione di beni e servizi durevoli nel tempo, quindi più compatibili con l'ambiente. Riusare è un impegno concreto, personale e collettivo.

Al bando i materiali usa e getta, i contenitori e gli imballaggi superflui, i materiali che hanno un costo ambientale in termini di impronta idrica (consumo di acqua per produrli) e carbonica (grandi consumi di energia con conseguente produzione di CO2) non sostenibile. Una borraccia data a tutti i partecipanti è stato il simbolo di questa scelta, un messaggio di fiducia ed impegno che parte da un semplice contenitore per un elemento altrettanto semplice e naturale come l'acqua.

Dal punto di vista tecnico Vivicittà si è corsa su un percorso competitivo compensato di 12 Kkm, e non competitivo di 4 km. Per la buona giornata ben 500 sono persone, in rappresentanza di 50 società sportive, e 200 liberi, per un totale di 700 persone, hanno inforcato le scarpette da running percorrendo il magnifico centro storico di Castrignano dei Greci.  A scaldare i muscoli vi erano podisti di tutte le età e alcuni dei migliori talenti in circolazione.

La caratteristica più importante di Vivicittà è la classifica unica, un’innovazione tuttora ineguagliata: partenza unica alle 10.30, percorso di 12 km e compensazione finale delle differenze di percorso nelle città in cui si è corso. Lo scopo del lavoro è naturalmente suggerito dalla peculiarità di Vivicittà, probabilmente l’unica gara agonistica che viene svolta in contemporanea in decine di città nel mondo con diverse condizioni di terreno, meteorologiche e strutturali.

Prima della partenza è stato effettuato un minuto di raccoglimento in memoria del giovane calciatore del Livorno Piermario Morosini, che si è prematuramente spento, a soli 25 anni, nella giornata di ieri durante lo svolgimento di una partita di calcio del campionato di serie B. La manifestazione godeva dell’Adesione del Presidente della Repubblica, il patrocinio della Presidenza del Consiglio, del Segretariato Sociale Rai del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dell’Associazione Nazionale Agende 21 Locali italiane e di Federambiente.

Il presidente Galluccio, a conclusione della manifestazione, nel corso delle premiazioni finali, ha espresso un profondo ringraziamento ai suoi collaboratori e quanti hanno profuso ogni energia per la migliore riuscita dell’evento: Massimo Borgia, Giuseppe Lodeserto, Mauro Liaci, Franco De Luca, Giuliana Giannotta, Marzia Ianne, Luigi Gerardi, Marco Avantaggiato, Maurizio Mangia, la Protezione civile di Castrignano dei Greci.

Un particolare ringraziamento è stato rivolto al principale artefice dell’evento, Donato Amato, sindaco di Castrignano dei Greci che ha profuso ogni energia per la buona riuscita dell’evento. Energie che lo stesso ha profuso sia nella fase organizzativa che nel vivo della manifestazione avendo anch’egli partecipato alla gara come atleta.

 

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Castrignano dei Greci, “Vivicittà” la corsa più grande del mondo

LeccePrima è in caricamento