L'Aurispa Alessano parte col botto: vittoria per 3-1 in casa del Cantù

Inizia nel migliore dei modi la Pool B per l’Aurispa Alessano che va a vincere sul difficile campo di Cantù, rispondendo al successo ottenuto ieri da Gioia del Colle

Inizia nel migliore dei modi la Pool B per l’Aurispa Alessano che va a vincere sul difficile campo di Cantù, rispondendo al successo ottenuto ieri da Gioia del Colle. Un centinaio i salentini presenti sugli spalti ad incitare la squadra. Culafic, che spesso e volentieri ha tolto le castagne dal fuoco ai suoi, MVP dell’incontro.

Non è stata una partita tecnicamente eccelsa, ma l’Aurispa ha dato un ulteriore prova di essere diventata squadra matura, che non si abbatte nei momenti no, che riesce a sopperire con il gioco di squadra alla giornata no di Lipinsky. La vittoria è maturata grazie alla determinazione di tutti i ragazzi chiamati in causa da Tofoli, soprattutto nel terzo set, quando sotto anche di sei punti non hanno mollato ed hanno raddrizzato parziale e partita.

Piccola pecca nel quarto set, dominato in lungo e in largo, ma messo a serio rischio a causa di errori banali che potevano compromettere l’esito positivo del match. Cominetti schiera l’ex Piazza al palleggio con Caio opposto, Robbiati – Monguzzi al centro, Ricardo – Cominetti in banda e Buti libero. “Classico” 6+2 per Tofoli: Alberini- Culafic, Usai- Tomassetti, Lazzaretto-Lipinsky, Bisci libero con Loglisci pronto a subentrare, in quota Under, in seconda linea al posto di Lazzaretto.

Subito partenza in salita per Alessano che con tre errori consecutivi consente la prima minifuga dei padroni di casa (0-3). Gli ospiti recuperano e il parziale procede in equilibrio. Un errore di Caio e un muro ospite permettono ad Alessano di prendere un break di vantaggio. Il duo brasiliano sbaglia molto in attacco e Cominetti opta per il doppio cambio, inserendo Baratti e Olivati al posto di Caio e Piazza. Alessano insiste, tocca quasi tutti i palloni a muro e scappa sul 20-15.

Lazzaretto da posto 4 e Tomassetti dal centro sono immarcabili ed è proprio il laterale veneto a mettere a terra la palla del 25-18. Cominetti rimette in campo il sestetto di inizio gara e Cantù, come nel primo set, sfrutta gli errori di Alessano per portarsi in vantaggio (1-3). Cantù è molto più presente in difesa e riesce a limitare gli attacchi di Alessano. Un ace di Cominetti porta a tre punti di vantaggio (8-11) con Tofoli costretto a bloccare il gioco.

Al rientro in campo Alessano piazza un parziale di 6-0 e si porta avanti di 3, ma i biancazzurri ritornano ad essere fallosi e permettono a Cantù di andare avanti di un break (18-20). I padroni di casa insistono e un muro su Lazzaretto chiude il parziale sul 20-25. Terzo set con Cantù ancora avanti. Lipinsky non è in giornata, i padroni di casa fanno la voce grossa a muro e scappano sul 7-11. Alessano sembra aver smarrito le sicurezze del primo set e non riesce a rientrare nel set (10-16).

I lombardi tengono botta, rintuzzando ogni pretesa di rimonta ospite. Ma l’Aurispa insiste e riesce a ridurre a 1 il gap. Un attacco di Ricardo dà 2 set ball a Cantù, ma Culafic con un attacco ed un ace porta il set ai vantaggi. Un block di Alberini concede il set ball ad Alessano che lo concretizza immediatamente grazie all’errore in attacco di Caio che fissa il punteggio sul 27-25. Partenza lanciata dell’Aurispa che approfitta dell’iniziale sbandamento canturino (8-3).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I padroni di casa compattano le fila e recuperano due punti. Alessano accellera nuovamente, sul 14-9 Cominetti chiama il secondo discrezionale e sostituisce un falloso Ricardo con il giovane Danielli. Lipinsky fatica in ricezione, ma la squadra sembra non accusarlo. Un muro di Alberini dà il 20-15 agli ospiti, ma il regista veneto è costretto ad uscire per un piccolo problema fisico e lascia il posto a Cordano. Alessano inizia a sbagliare in attacco e permette a Cantù di avvicinarsi pericolosamente (23-22). Culafic dà il primo match point ai suoi, ma Cantù riesce ad annullarli grazie anche all’errore in pipe di Lipinsky. Il successivo errore in battuta di Caio regala una nuova opportunità agli ospiti che la sfruttano grazie al servizio di Lazzaretto che dà il 26-24 e la vittoria per 3-1.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento