Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

Appunti giallorossi. Trattativa rebus, solo la squadra dà certezze

Sul fronte societario nessuna novità: i nodi da sciogliere prima della firma non sono questioni di poco conto. Giovedì conferenza di Savino Tesoro. Intanto Lerda continua a "proteggere" la squadra in una campana di vetro

L'esultanza dei giocatori al termine di una gara.

 

LECCE – La trattativa per la cessione dell’Us Lecce sta assumendo contorni farseschi – l’incontro che dovrebbe essere risolutivo è slittato ancora – e la situazione comincia ad essere stucchevole: decidere le sorti di un gruzzoletto di qualche milione di euro non è mai semplice. A chi andrà il paracadute nel caso il Tnas riconoscesse una qualche forma di indennizzo per una sentenza sportiva maturata con una sorprendente fretta? Chi si deve accollare i debiti che emergerebbero dalle pieghe dei bilanci? Sono le risposte a queste domande che motivano il ritardo che si sta accumulando prima di arrivare alla definizione del passaggio di proprietà: legittimo è l’interesse di entrambe la parti a spuntare le migliori condizioni possibile.

Di una qualche rilevanza, tuttavia, dovrebbe pur essere l’interesse di una comunità di tifosi a conoscere, almeno per sommi capi, lo stato dell’arte. Anche perché l’impressione è che oramai a fare progressi sia solo la squadra. I comunicati tranquillizzanti servono a poco: se la firma non arriva, nel rispetto dei vincoli tra le parti, ci sarà pure una ragione che a questo punto dovrebbe essere quantomeno abbozzata. Del resto se la proprietà uscente ha peccato in “relazioni pubbliche”, quella subentrante aveva sin dal primo giorno garantito una rivoluzione in tema di trasparenza, tanto che è stata anche scelta una figura di fiducia per fungere da tramite con l’ambiente giallorosso. Meno male che c’è il calcio giocato, così si può cambiare discorso.

Franco Lerda deve fare i conti con l’emergenza nel reparto offensivo, dove, alle squalifiche di Foti e Chiricò (quarta infrazione) si potrebbe aggiungere il forfait di Filippo Falco: uscito malconcio dal Provinciale di Trapani, l’esterno originario di Pulsano, ha intanto rinunciato alla chiamata dell’Under 20 di categoria ed è assai difficile che il problema muscolare accusato lunedì sera possa essere smaltito in tempo per la trasferta di Lumezzane. La probabile defezione di Falco, dunque, si va a sommare all’infortunio di Ignacio Pià, che resterà fermo ai box ancora per alcune settimane.

Senza il tridente che ha garantito al Lecce estro e gol nelle ultime domeniche, l’allenatore dei salentini sta valutando tutte le opzioni possibili: Chevanton non è in condizione di giocare dall’inizio, Jeda è reduce da un lungo stop e dunque la sua tenuta in partita è tutta da valutare. Resta Malcore, ma c’è anche Bustamante, fermo restando che il cileno ha disputato a Nocera Inferiore, in Coppa Italia, la sua prima partita a livello agonistico.

Il contesto nel quale sta maturando il prossimo impegno dei giallorossi, dunque, non è dei migliori: si deve tener presente, inoltre, che il Lumezzane occupa una discreta posizione di classifica grazie a due vittorie e quattro pareggi, segna poco – solo nel derby interno contro il FeralpiSalò è riuscito a fare due reti-, ma incassa ancor meno (6-5): una squadra arcigna, di categoria. E’ possibile dunque che Lerda metta mano anche al modulo tattico, alla ricerca di una quadratura più attinente alle caratteristiche degli uomini a disposizione. Senza Falco e Chiricò il consueto 4-2-3-1 perderebbe perdere di efficacia: Rosafio o Di Mariano sono troppo giovani per non costituire un azzardo.

Il rientro di Giacomazzi potrebbe “spingere” Bogliacino in posizione ancora più avanzata, alle spalle di Jeda, mentre De Rose e Memushaj affiancherebbero il capitano in mediana. La difesa potrebbe essere disposta con tre centrali o a cinque, ma questo dipenderà soprattutto dalla disposizione dei padroni di casa. A Trapani il Lecce ha dimostrato di saper masticare “amaro” senza fare una piega dal punto di vista tattico per quasi tutta la gara, in Lombardia potrebbe invece sfoderare un vestito tutto nuovo a dimostrazione della sua duttilità, ma per arrivare al medesimo risultato: la conquista dei tre punti.

Aggiornamento: alle ore 16 è giunta in redazione la comunicazione della conferenza stampa che Savino Tesoro terrà domani alle ore 15.30 all'Hotel Tiziano. A seguire, alle 16.45, l'incontro con i tifosi allo stadio di Via del Mare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appunti giallorossi. Trattativa rebus, solo la squadra dà certezze

LeccePrima è in caricamento