Domenica, 25 Luglio 2021
Sport

Arriva Diniz, un nuovo difensore per il Lecce. Donati resta, ma solo in serie B

Brasiliano, di proprietà del Milan, è stato girato in prestito con diritto di riscatto. S'è fatto conoscere in serie A con la maglia del Livorno. Il terzino Donati, invece, rimarrà per volontà dell'Inter solo se non sarà Lega Pro

@TM News/Infophoto

 

LECCE - Un nuovo difensore per il Lecce. Si tratta di Plinio Diniz Paixao "Diniz" (noto semplicemente come Diniz), che già oggi s’è aggregato con la formazione giallorossa. Diniz arriva nel Salento con la formula del prestito con diritto di riscatto.

Nato in Brasile, a Vitòria il 1° agosto del 1987, dopo aver iniziato la carriera nel suo Paese, è passato al Milan nel 2005 e, dopo la gavetta nella primavera, ha disputato una stazione nel Monza, in C1, giocando tredici gare e siglando anche un gol. Acquistato in comproprietà con il Livorno, è stato poi girato al Crotone, in Lega Pro (ex serie C1), dove è stato impiegato in nove occasioni. Riscattato dal Milan e tornato a Livorno, ma questa volta in prestito, nel 2009-2010 ha avuto modo di farsi notare esordendo nella massima serie e venendo chiamato al confronto in campo ventuno volte. Nel suo girovagare, è quindi passato dal Parma, per poi trasferirsi in Belgio, all’Euprem e tornare in Italia, al Como, in Lega Pro, dove ha disputato ventuno gare, siglando una rete.

Per un volto nuovo che arriva, un’altra vecchia conoscenza si ripresenta in casa Lecce: è Giulio Donati, che con i giallorossi ha disputato quattordici gare in serie A, nella stagione 2010-2011. Il futuro di Donati è però legato a doppio filo all’esito del procedimento sportivo in atto. Per ora si allena con la squadra, ma resterà, per volontà dell’Inter, solo sei i giallorossi proseguiranno il loro cammino in serie B. In caso di una punizione più severa, con retrocessione in Lega Pro, il club nerazzurro disporrà in altra maniera.

Lui, per ora, manifesta comunque felicità per essere ritornato nella squadra che l’ha sostanzialmente lanciato all’attenzione generale nel grande calcio. “L’ho fatto più che volentieri”, ha dichiarato, come appare sul sito web del sodalizio giallorosso. “Conosco l’ambiente, che assieme ai programmi della famiglia Tesoro sono stati la molla che mi ha spinto a rivestire i colori giallorossi”. Donati ha spiegato di non conoscere personalmente mister Franco Lerda. “Però ho saputo che è un allenatore che lavora intensamente, come piace a me e, sicuramente, sarà molto determinato a raggiungere il massimo obiettivo. Ovviamente non c’è stato ancora modo di parlare di moduli, di quale sistema di gioco mister Lerda vorrà proporre nella prossima annata”.

“Per quel che mi riguarda – ha spiegato - non avrei problemi a disimpegnarmi su tutta la fascia destra sia da terzino, sia in una posizione più alta, come ho giocato spesso in Under 21”. Un pensiero, poi, per alcuni compagni di vecchie battaglie in maglia giallorssa. “Mi ha fatto piacere ritrovare Ferrario, Giacomazzi e tutti gli altri. Secondo me siamo un buon organico, in squadra c’è gente con esperienza nella massima serie, lo trovo un gruppo attrezzato”.

Oggi, doppia seduta d'allenamento al Polisportivo di Tarvisio. Chevanton sta seguendo un programma di recupero – spiega il sito del Lecce -, seguito dal fisioterapista, mentre Ofere ha svolto lavoro a parte. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva Diniz, un nuovo difensore per il Lecce. Donati resta, ma solo in serie B

LeccePrima è in caricamento