Domenica, 19 Settembre 2021
Sport

L'arrivo di Strefezza e la cessione di Henderson: due pagine della stessa storia

Lo sforzo economico sostenuto dal Lecce per tesserare l'esterno offensivo è frutto anche del trasferimento del centrocampista scozzese all'Empoli. Il direttore Corvino: "Un lavoro sottotraccia di almeno un mese e mezzo"

Trinchera, Corvino, Strefezza e Sticchi Damiani.

LECCE - Quello di Gabriel Strefezza non è un tesseramento qualunque e nemmeno un colpo di fortuna: è il risultato, affatto scontato, di un lavoro che affonda le sue radici in un corteggiamento "di almeno un mese e mezzo", come ha tenuto a sottolineare Pantaleo Corvino, direttore dell'area tecnica del Lecce, nel corso della conferenza stampa di presentazione del nuovo arrivato.

Strefezza è arrivato a Lecce ieri e, dopo aver sostenuto le visite mediche, si è dichiarato pronto per l'avventura in giallorosso, da subito a disposizione di mister Baroni: potrebbe essere davvero lunga la sua esperienza nel Salento, poiché ha firmato un contratto di quattro anni con opzione per quello successivo. Sembrava dovesse essere un punto fermo del nuovo corso della Spal, rilevata nei giorni scorsi dallo statunitense Tacopina, e invece il 24enne brasiliano, ma con passaporto italiano (grazie ai nonni), si ritrova nel Tacco d'Italia grazie a "un'operazione brillante", come l'ha definita il presidente, Saverio Sticchi Damiani.

"Siamo ancora nell'ambito delle cifre alla portata del Lecce - ha precisato il numero uno del club giallorosso -, ma la cessione di Liam Henderson è stata certamente importante per perfezionare il passaggio". Sul trasferimento del centocampista scozzese all'Empoli, il presidente ha aggiunto: "Il suo ingaggio era tra i più alti e, certamente, non potevamo aumentarlo. Davanti alla chiamata di una squadra di serie A, che con noi è stata molto corretta, abbiamo anche pensato che il ragazzo meritasse questa possibilità: è stato sempre esemplare nel comportamento, mai una parola fuori posto, mai un allenamento saltato". 

La cessione di Henderson ha fruttato 1,5 milioni di euro - era stato pagato un terzo -, somma che ha consentito al Lecce di sbloccare la trattativa per Strefezza che Corvino aveva pazientemente coltivato sottotraccia. Alla Spal è andata una cifra vicina ai 600mila euro.

Il direttore dell'area tecnica, affiancato da quello sportivo, Stefano Trinchera, ha anche aggiunto una previsione che riguarda il campionato, chiarendo che il Lecce farà di tutto per puntare alla serie A: "A parte quattro squadre che hanno la disponibilità di aprire i cassetti e tirare fuori i soldi, le altre dovranno lottare innanzitutto per salvarsi, sarà un torneo molto equilibrato. A me a al direttore Trinchera farebbe comodo avere certe possibilità, ma la nostra linea guida è quella del rigore finanziario: dobbiamo crescere e creare patrimonio in un arco temporale di tre anni, per ora siamo ancora al secondo ma non per questo lesiniamo sforzi per raggiungere l'obiettivo della promozione. Mettiamo in campo virtuosismo e creatività".

La conferenza stampa stata preceduta, su proposta del presidente Sticchi Damiani, da un minuto di silenzio per ricordare la tragica scomparsa di Sergio Vantaggiato, cronista sportivo morto a Parigi nel 2007 ad appena 40 anni in conseguenza di una rapina subita nella metropolitana. A lui è intitolata la sala stampa dello stadio di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'arrivo di Strefezza e la cessione di Henderson: due pagine della stessa storia

LeccePrima è in caricamento