Hashtag #iocicredo e bandiere giallorosse sui balconi: l’invito alla città

L’idea del sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, in vista della decisiva partita di domenica, contro il Parma. Intanto, esposto il vessillo anche a Palazzo Carafa

La bandiera giallorossa a Palazzo Carafa.

LECCE – Dal balcone del municipio di Lecce sventola la bandiera giallorossa. Ma non sarà la sola: in vista della partita decisiva di domenica prossima, al Via del Mare contro il Parma, il sindaco Carlo Salvemini invita tutti i cittadini del capoluogo salentino a esporre il vessillo per sostenere la squadra del cuore. E lancia anche #iocicredo, l'hashtag  ideato dal primo cittadino per accompagnare quello che sarà un weekend di passione per i tanti tifosi della squadra giallorossa.

“Interpretando il sentimento diffuso della comunità dei tifosi e dei cittadini leccesi, al balcone di Palazzo Carafa abbiamo affisso una bandiera giallorossa. Invito i cittadini leccesi a fare altrettanto, per trasformare fino a domenica le nostre strade e piazze in simboliche tribune del nostro stadio”. Con queste parole Salvemini, in un post pubblicato sui social ha esortato la cittadinanza a sostenere il team.

“È un bel modo per far sentire alla squadra tutto il nostro supporto pur non potendo essere fisicamente presenti sugli spalti del Via del Mare – ha aggiunto il sindaco - e per mostrare gratitudine e riconoscenza nei confronti della società, del mister, dei giocatori, dello staff dell'Unione sportiva Lecce al di là dell'esito finale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento