rotate-mobile
Sport

Baroni e il bicchiere mezzo pieno: "Primo tempo stratosferico"

In sala stampa il tecnico del Lecce ha commentato il pareggio a reti bianche contro il Perugia. Sull'avvicendamento di tutto il fronte d'attacco, al 63', ha spiegato: "Ho fiducia nei giovani, può essere che a Brescia siano titolari"

LECCE – Al termine della partita tra Lecce e Perugia, finita 0 a 0, il tecnico dei giallorossi, Marco Baroni, ha mostrato di avere pochi rimpianti: “Abbiamo comandato sempre, dall’inizio alla fine, contro una squadra non facile che ha difeso con molti falli, spezzettando il gioco. Nonostante questo abbiamo fatto un primo tempo stratosferico. Poi loro si sono abbassati, si sono messi con il 3-5-1-1 nella loro metà campo. Sono partite molto delicate queste, devo elogiare tutti i ragazzi, chi è partito, chi è subentrato. Gli avversari li avevo studiati e non li ho mai visti così in difficoltà come oggi. I miei ragazzi hanno interpretato bene la partita, grazie al movimento hanno tolto i punti di riferimento e il Perugia non riusciva a portare la pressione che di solito sa fare.

Con riferimento alla sostituzione di tutto il reparto d’attacco, con l’ingresso dopo 18 minuti della ripresa di Oliveri, Rodriguez e Listkowski per Strefezza, Coda e Di Mariano, l’allenatore ha lanciato un segnale molto chiaro: “Può essere che a Brescia questi ragazzi siano titolari. I giocatori per migliorare devono andare in campo. Per i ritmi con cui giochiamo e con cui alleniamo è giusto che ci siano delle staffette. Per me il punto d’arrivo in questa fase non è la classifica, ma che tutti crescano. Mi piacerebbe arrivare al punto in cui non ci sono titolari, come nella staffetta dell’atletica”.

In fin dei conti, dunque, Baroni preferisce di gran lunga il bicchiere mezzo pieno: “Abbiamo concesso veramente poco. Ho visto una bella crescita della squadra, prendo il risultato quasi come una vittoria. Quando a fine partita vedo i miei sfiniti, significa che hanno dato tutto. Siamo un gruppo giovane, dobbiamo crescere tutti in qualità, ciascuno con i suoi step”.

In sala stampa si è poi presentato Lucioni (nella foto, sotto, con l'arbitro Giua): “Ci è mancato solo il gol, sia per sfortuna sia per imprecisione – ha commentato il capitano -. Nel calcio poi succede che partite come queste le finisci per perdere, ma noi siamo stati bravi a concedere poco al Perugia”.

Sollecitato su un paragone con il Lecce delle stagioni precedenti, dal punto di vista della tenuta difensiva, il numero 5 dei giallorossi ha detto: “Ho sempre ritenuto che il lavoro paghi. Abbiamo anche vinto il campionato prendendo qualche gol di troppo ma ne facevamo anche di più. In questa stagione stiamo subendo di meno ma stiamo anche sfruttando di meno le occasioni da rete. L’unica strada per arrivare ai risultati importanti è il lavoro, conosciamo solo quella e credo che la nostra sia la strada giusta”.

7F0A9995-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baroni e il bicchiere mezzo pieno: "Primo tempo stratosferico"

LeccePrima è in caricamento