Venerdì, 24 Settembre 2021
Sport

Baroni si aspetta un cambio di mentalità: "Contro il Como furore su ogni palla"

Il Lecce torna in campo dopo la batosta di Cremona. Di Mariano va subito in panchina, Hjulmand agirà come mediano al posto dell'infortunato Blin

LECCE - Con Di Mariano nella lista dei convocati, ma senza Barreca, in attesa di autorizzazione Uefa (il trasfer), Blin, infortunato e Rodriguez, squalificato, il Lecce si appresta alla sfida al Como, valevole per la seconda giornata di campionato. 

Furore è la parola chiave pronunciata da mister Baroni nella conferenza stampa della vigilia: per tutta la settimana il tecnico fiorentino ha chiesto ai suoi un cambio di mentalità: "Bisogna giocare come fosse sempre l'ultimo pallone disponibile" Gli errori commessi a Cremona sono stati puntualmente analizzati perché non si ripetano: "La qualità è importante ma è poi l'atteggiamento che fa la differenza", ha ricordato Baroni.

Per il Lecce il match di domani sarà un test molto difficile: quella lariana è una formazione compatta, fisicamente strutturata, aggressiva, oltre che reduce dalla vittoria di un campionato. Sul campo del Crotone, che invece è retrocesso dalla A, il Como si è ben comportato, conquistando un motivante punto. 

Hjulmand agirà da mediano, Baroni lo ha detto candidamente e dunque si dovrebbe registrare il ritorno di Bjorkengren come interno dal primo minuto. Il tecnico sta cercando di trasferire un concetto al suo gruppo: quello per il quale non ci sono undici titolari, ma una ventina di compagni di squadra sempre pronti a dare il massimo, senza gerarchie, senza dare nulla per scontato. 

L'allenatore del Lecce ha avuto modo anche di commentare le due ultime operazioni di mercato: quella di Barreca, ha detto, è stata un'opportunità colta al volo perché il ragazzo ha fatto una scelta difficile, quella di volersi rimettere in discussione: dopo il trasferimento in Francia, al Monaco, ha giocato davvero poco e nemmeno il ritorno in prestito in Italia, con Genoa prima e Fiorentina poi, è valso a rilanciarlo. L'arrivo del laterale difensivo mancino, ha precisato il mister, nulla toglie a Gallo e Vera, fino a ieri i due contendenti per una maglia.

Su Di Mariano, invece, Baroni ha ammesso candidamente di aver preso atto di questa operazione, i cui presupposti sono maturati in un lampo, praticamente a cose fatte, ma con soddisfazione data la qualità del calciatore. E il fatto stesso di portarlo in panchina subito, senza nemmeno un allenamento con i nuovi compagni, la dice lunga su quanto l'allenatore voglia serrare le fila, superare il passo falso iniziale e trovare una quadratura attendibile il prima possibile. Dopo il match di domani ci saranno una decina di giorni per modellare la squadra: la terza giornata, infatti, è in programma venerdì 10 settembre.

La Primavera fa il suo esordio a Cagliari

Domani è previsto anche l'esordio in Primavera 1 della squadra allenata da mister Grieco che farà visita al Cagliari (ore 16.30 con diretta su Sportitalia). Di seguito i convocati: Portieri Borbei e Bufano; marcatori: Ciucci, Hasic, Dreier, Luperto; Russo, Nizet, Scialanga, Lemmens; centrocampisti: Martí, Vulturar, Macrí, Gallorini, Gonzalez; esterni offensivi: Salomaa, Mommo, Milli; attaccanti: Burnete.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baroni si aspetta un cambio di mentalità: "Contro il Como furore su ogni palla"

LeccePrima è in caricamento