Sport

Il Benevento non sbaglia un colpo, il Lecce crolla e si risveglia terzo

Lepore colpisce un palo in apertura, ma poi i padroni di casa approfittano della fragilità difensiva e vincono per 3 a 0, conquistando la B. Casertana fermata sul pari a Messina

Una foto al termine della partita.

BENEVENTO – Peggio di così non poteva andare. Il Lecce cade a Benevento e assiste impotente alla passerella dei sanniti che festeggiano la promozione in serie B affondando i colpi in una difesa poco consistente.

Un risultato, quello maturato al Vigorito, che impone ai salentini l’ennesimo esame di coscienza dell’ultimo periodo e che consegna ai giallorossi il terzo posto, alla luce degli altri risultati: facile il Foggia contro il Martina Franca, pareggio tra Messina e Casertana.

Primo tempo

Il Lecce parte con il piglio giusto e al 2’minuto colpisce il palo con un tiro in diagonale di Lepore. Il Benevento tarda invece un quarto d’ora circa a scrollarsi di dosso la tensione, ma dopo un paio di manovre di avvicinamento trova subito il vantaggio con Mazzeo che di testa non ha difficoltà a superare Bleve. Nella circostanza Melara mette la sfera al centro senza che Legittimo opponga un adeguato ostacolo e il fantasista salta indisturbato tra Camisa e Abruzzese. Tutto fin troppo facile.

Incassata la rete i giallorossi non hanno quasi il tempo di riorganizzare le idee che subiscono subito il secondo goal: al 26’ Camisa, troppo leggero nel contrasto, perde il confronto con Cissè che si invola verso la porta del Lecce e non fallisce la conclusione. Al Vigorito è festa grande.

Solo negli ultimi dieci minuti i salentini ritrovano la pericolosità iniziale e nel giro di un minuto Curiale ha due opportunità per accorciare le distanze. Prima, servito da Abruzzese, trova l’opposizione disperata di Gori da posizione ravvicinata, poi viene anticipato da Lucioni al momento di concludere. Prima dell’intervallo si fa vedere anche Caturano con una conclusione da fuori area.

Secondo tempo

Braglia ordina due sostituzioni: dentro Moscardelli e Beduschi per Caturano e Camisa. Il Lecce passa al 4-3-3 ma al 51’ prende il terzo goal. Ciciretti fa un gioco di prestigio a Beduschi e appoggia a Mazzeo che entra in area e piega i guanti di Bleve con un tiro molto potente ma che in realtà non pare irresistibile.

La prima conclusione dei giallorossi nel secondo tempo arriva al 61’ con Curiale, ma il suo tentativo viene deviato in corner. Nell'azione successiva ci prova Moscardelli ma è chiaro che i campani stanno già pensando alla festa. Fino al termine non succede praticamente nulla, se non l'ingresso di Liviero per Curiale. 

Il tabellino di Benevento-Lecce 3 a 0

BENEVENTO (3-4-3): Gori; Mattera, Lucioni, Padelli; Melara (64’ Angiulli), De Falco, Del Pinto, Pezzi; Cicerelli, Cissè (43’ Campagnacci) (49’ Marotta), Mazzeo. A disposizione: Piscitelli, Vitiello, Mazzarani, Troiani, Mucciante. Allenatore: Auteri

LECCE (3-4-1-2): Bleve; Alcibiade, Camisa (46’ Beduschi), Abruzzese; Lepore, Papini (cap.), De Feudis, Legittimo; Surraco; Caturano (46’ Moscardelli), Curiale (74’ Liviero). A disposizione: Benassi,Mangione, Lo Sicco, Salvi, Vecsei, Doumbia, Carrozza, Sowe. Allenatore: Braglia

Marcatori: 18’ Mazzeo, 26’ Cissè, 51’ Mazzeo

Ammoniti: 30’ Alcibiade

Arbitro: Marinelli; assistenti: Grossi, Rossini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Benevento non sbaglia un colpo, il Lecce crolla e si risveglia terzo

LeccePrima è in caricamento